ARTE – Grandissimo successo per la mostra del Barocco a Roma, la meraviglia delle arti. 200 opere tra dipinti, sculture, progetti e disegni della prima metà del 1600. di Federica Bertino

barocco-a-roma.jpg-680x365_c

Roma fa un tuffo nel passato e torna d’un colpo alla grande rivalità tra Bernini e Borromini e alla magnificenza delle opere di Pietro da Cortona, che la resero il maggior centro d’interesse artistico di tutta l’Europa del ‘600.
D’un colpo si ributta in tutti quegli artisti che in essa si sono formati e che l’hanno resa capitale del mondo barocco e modello per le grandi città d’Europa e Oltreoceano. Dal primo aprile e fino al 26 luglio, Palazzo Cipolla ospita un’interessante mostra, organizzata dalla Fondazione Roma-Arte-Musei, che presenta oltre 200 opere tra dipinti, sculture, progetti e disegni della prima metà del 1600.
Partendo da tele di Annibale Carracci e Pieter Paul Rubens, che insieme a Caravaggio, sono da considerarsi padri nobili della pittura barocca, il percorso espositivo vuole accompagnare i visitatori seguendo l’evoluzione della corrente artistica del Barocco. Si prosegue dunque nel cammino artistico, percependo il suo punto più alto sotto il pontificato di Urbano VIII.
È dunque possibile muoversi tra opere inedite e pezzi mai esposti in Italia, come ad esempio il contro-progetto per il colonnato di piazza San Pietro di Gian Lorenzo Bernini, e ancora tra opere di grandi artisti tra cui Pietro da Cortona, Nicolas Poussin, Simon Vouvet, Guido Reni, il Guercino, Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini, Van Dyck e tanti altri. Per gli amanti del Barocco la mostra di Palazzo Cipolla non può non essere tappa obbligata.
(foto dal web)