Luoghi chiusi e abbandonati per oltre 30 anni, diventati meri ricordi d’infanzia per i cittadini napoletani, sono oggi visitati da numerosi gruppi di appassionati che contano sull’accoglienza e la cordialità dei volontari dell’associazione. L’impegno si fa ancora più intenso in occasione di Maggio dei Monumenti: pronto un calendario carico di eventi. di Federica Bertino

 maggio-dei-Monumenti

ARTE – Spesso capita di camminare in centro, attraversare una piazza e costeggiare palazzi e chiese mai visti aperti. È proprio da qui che prende spunto l’iniziativa “Aperti per Voi” del Touring Club Italiano. L’idea nasce dalla volontà di rendere possibile l’apertura di luoghi d’arte e cultura -musei, aree archeologiche, palazzi storici e chiese che troppo spesso restano chiusi al pubblico per moltissimi anni e senza un apparente motivo. Su questi passi si muove dunque il Touring Club Italiano che, a 120 anni dalla sua fondazione, continua a porre in primo piano la tutela e l’educazione ad un corretto godimento del Patrimonio Culturale. Avvalendosi della collaborazione dei suoi volontari, il Tci si occupa di promuovere la conoscenza dei beni culturali e garantirne il libero godimento in modo continuato.

A testimoniare l’importanza dell’iniziativa ci ha pensato il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che ha offerto il proprio sostegno ad Aperti per Voi. Nel 2013 il progetto ha raggiunto Napoli, dove sono state riaperte alcune tra le più importanti chiese del centro storico: San Giacomo degli Spagnoli, la Basilica di San Giovanni Maggiore, San Giorgio Maggiore, la chiesa dei Santi Severino e Sossio e San Diego all’Ospedaletto. Luoghi chiusi e abbandonati per oltre 30 anni, che erano diventati meri ricordi d’infanzia per i cittadini napoletani, sono oggi visitati da numerosi gruppi di appassionati che contano sull’accoglienza e la cordialità dei volontari sempre pronti a distribuire informazioni. Tre i giorni stabiliti per le visite. La chiesa di San Giorgio Maggiore e la chiesa di San Diego all’Ospedaletto sono aperte il giovedì e il venerdì dalle 10:00 alle 17:00 ed il sabato dalle 10:00 alle 13:00, mentre la chiesa dei Santi Severino e Sossio è aperta dal giovedì al sabato dalle 10:00 alle 13:00. È inoltre possibile organizzare e prenotare visite guidate all’indirizzo e-mail: napoli@volontaritouring.it e seguire gli eventi organizzati su Facebook (www.facebook.com/apertipervoinapoli).

L’impegno profuso dai volontari si fa ancora più intenso in occasione di Maggio dei Monumenti. L’associazione del Touring Club Italiano si rimbocca le maniche e presenta un calendario carico di eventi. Oltre ad accogliere turisti e visitatori nei tre siti, con il progetto ApertiperVoi, il Tci dà avvio ad un gran numero di visite guidate, concerti ed eventi che hanno lo scopo di coniugare insieme svago e cultura. Grandissimo successo ha già ottenuto la prima visita serale svolta nella chiesa dei Santi Severino e Sossio che troverà seguito nel terzo e nell’ultimo sabato di maggio. La visita guidata notturna è accompagnata da un pizzico di teatralità nel raccontare alcune delle vicende che ruotano intorno alla storia della chiesa.

Dall’8 al 16 m1. Tci programmaaggio la chiesa ospita inoltre una mostra di 46 scatti tratti dal volume “Tesoro Italia: patrimonio negato” del Touring Club Italiano, mentre durante gli ultimi due week-end del mese sarà presente una mostra-performance del pittore partenopeo Fabrizio Scala intitolata “Il colore al centro”. Il Maggio dei Monumenti dell’associazione continua con un appuntamento che condivide a pieno l’idea di viaggiare e conoscere il mondo del Touring. Il 24 maggio è previsto infatti un tour ciclistico con visita guidata nel centro storico della città di Napoli. Si partirà da piazza Dante alle ore 10:00 per poi attraversare la città e fermarsi in alcuni tra i maggiori siti d’interesse. La partecipazione al bike-tour è completamente gratuita, ma è necessaria la prenotazione tramite e-mail. Numerosi saranno i concerti e gli ulteriori eventi organizzati e sostenuti dai volontari napoletani del Touring, che metteranno in campo la loro professionalità per farci riscoprire il vero “core” di Napoli.

(foto dal web)