festa-juventus-al-bernabeu_1na7gw9zgfrrmzg4vuvii9384

REAL MADRID

Iker Casillas (6,5) Si produce in un paio di ottimi interventi ma ha però, a nostro avviso, qualche responsabilità sul gol di Morata.

Rapahel Varane (6) Partita nel complesso sufficiente per lui, senza infamia né lode.

Sergio Ramos (6) Dopo la disastrosa prova dell’andata, quando giocò in un ruolo non suo, torna a dettare legge in difesa.

Marcelo (7) Forse il migliore dei suoi, difende con attenzione, si propone spesso in avanti, macina km per tutti i 90’ di gioco, servendo splendidi cross/assist ai compagni.

Daniel Carvajal (6) anche lui merita la sufficienza nonostante sia forse il meno sicuro dei quattro della linea difensiva

Toni Kroos (5,5) Non è al top della forma e si vede, ma da un giocatore del suo spessore e della sua classe ci si aspetta molto di più

James Rodriguez(6,5) Ha il grande merito di conquistare con astuzia e furbizia il rigore del momentaneo 1-0, per il resto è meno incisivo in zona gol del solito

Isco (5,5) Nel centrocampo del Real è di sicuro il peggiore, mai davvero nel vivo del gioco, mai propositivo, troppo spesso isolato

Cristiano Ronaldo (6,5) Il voto è più che altro di stima e per il rigore realizzato, per il resto CR7, come all’andata, viene controllato più che bene dalla retroguardia bianconera

Karim Benzema (5,5) Ancelotti lo schiera dal primo minuto ma il francese è la controfigura di se stesso, migliora con il passare dei minuti ma il vero Benzema è tutt’un’altra cosa

Javier Hernandez dal 67’ (6) il Chicharito entra nel vivo del secondo tempo e con la Juve chiusa a riccio in difesa del preziosissimo 1-1 ha difficoltà a mettere in evidenza le grandi doti tecnico/tattiche

Gareth Bale (6) Lotta, corre, ci mette l’anima, ma è molto impreciso sotto porta, se il Real non riesce a trovare la via del gol del 2-1 molto lo si deve anche  alla sua imprecisione in zona gol

 

JUVENTUS

Gianluigi Buffon (6,5) quando è chiamato in causa si fa sempre trovare pronto, dà carica a tutta la squadra per tutti i 90’ i minuti di gioco, la sua esperienza risulta fondamentale per il passaggio del turno

Giorgio Chiellini (6) Davvero gravissimo il fallo, molto ingenuo, che commette su Rodriguez da cui scaturisce il rigore del 1-0 Real, merita però la sufficienza grazie ad un grande secondo tempo

Leonardo Bonucci (6,5) Prestazione maiuscola per Leo, non era facile misurarsi con avversari del calibro di CR7, Benzema, Hernandez, Rodriguez, tra andata e ritorno ha fatto, eccome se l’ha fatto, abbondantemente il proprio dovere

Patrice Evra (7) Ennesima prova maiuscola del difensore d’esperienza francese, il vero acquisto del finale di stagione di mister Allegri, difende sempre con ordine e spesso si propone anche sull’out di competenza, aiutando i compagni in fase di spinta

Paul Pogba (6,5) Primo tempo sottotono per lui, non ancora al top della condizione fisica, soffre il gran caldo ma nella ripresa si rivede a sprazzi il miglior Pogba, entra nell’azione del gol, permette alla squadra di rifiatare e sfiora anche la rete della vittoria

Roberto Pereyra dal 89’ (SV)

Claudio Marchisio (7) Partita principesca per il “principino”, peccato solo per quel tiro, quasi a botta sicura, che Casillas riesce a deviare negandogli la soddisfazione personale e un finale di gara più rilassato per tutti i bianconeri

Andrea Pirlo (5,5) Spiace dover mettere un’insufficienza questa sera, ma il Pirlo visto al Bernabeu (che comunque gli regala una splendida standing ovation all’uscita dal campo) è la controfigura di se stesso, lento, macchinoso, impreciso persino nei passaggi

Andrea Barzagli dal 79’ (s.v.)

Arturo Vidal (7) Lottatore, guerriero, queste sono le partite che esaltano le sue qualità, non tira mai indietro la gamba ed è lui, insieme a Marchisio, a prendere per mano il centrocampo bianconero

Alvaro Morata (7,5) Man of the match, e non solo per il gol qualificazione, disputa una gara splendida correndo in lungo ed in largo, aiutando anche in zona difensiva quando occorre, un ex che i blancos questa sera avranno rimpianto ancor di più

Fernando Llorente dal 84’ (SV)

Carlos Tevez (6,5) Un apache meno pungente del solito, ma quanta grinta, quanto carattere, quanta esperienza, e pensare che ad inizio anno in molti sostenevano non fosse adatto a partite di Champions di questo livello.

a cura di Federico Facello

(foto dal web)