Un’amicizia decennale, la grande passione per la musica, la voglia di provarci e di raggiungere nuovi traguardi. Sono questi gli ingredienti per il successo della band MEMA che presenta il suo EP. Cinque brani coinvolgenti ed interamente autoprodotti. Un mix di suoni freschi ed originali, un sound di qualità ed una voce, quella di Elena Bonanata, davvero incredibile.

MEMA BAND PAVESe

Elena, come è nato questo progetto?

Diciamo che dopo anni di studio e di lavoro assieme, e dopo avere fatto centinaia di serate come cover band, con gli altri componenti del gruppo (Andrea Scano alla chitarra, Marco Riccotti alla batteria e Maurizio Desortes al basso) abbiamo sentito la necessità di tentare qualcosa di nuovo, di provare a preparare qualcosa di tutto nostro. Il progetto è partito nel 2013 e le idee che ciascuno di noi ha portato si sono fuse insieme in maniera molto naturale e spontanea. Frutto forse proprio della grande alchimia che c’è fra di noi. I testi sono tutti inediti e originali scritti da noi con arrangiamenti curati e ben definiti.

Che storia raccontano le vostre canzoni?

In realtà è un racconto di storie di vita, non proprio autobiografiche, ma si parla di sensazioni, di paesaggi, di colori, di profumi abbiamo cercato di mettere delle emozioni in musica.

A che artisti vi siete ispirati?

Ci Siamo ispirati alla bella musica italiana pop, Negramaro, Elisa, Carmen Consoli, Lucio Dalla, grandi nomi che per noi hanno significato nei testi, nella musica e nell’espressività.

Quali sono i vostri artisti preferiti?

In realtà siamo molto eclettici. Avendo sempre avuto a che fare con la musica, anche grazie alla nostra formazione al conservatorio moderno, conosciamo tantissimi artisti, abbiamo avuto varie fasi da quella più rock alla pop, alla soul.

All’interno dell’ep avete un brano preferito?

Essendo brani nostri, siamo affezionati ad ognuno di essi. Però a seconda dei momenti, delle circostanze, cambiamo spesso il nostro preferito.

Vivete solo di musica?

Abbiamo la fortuna di vivere di musica. Insegniamo nelle scuole. La didattica è il nostro lavoro. Portiamo nelle scuole la nostra esperienza e la nostra formazione. Poi da sempre facciamo live nei locali.

Quali sono i vostri progetti futuri?

Siamo in contatto con diversi locali per organizzare una tournée che ci permetta di far conoscere il nostro nuovo lavoro. E’ un po’ difficile perchè la gente preferisce le cover ma saremo lieti di accettare l’invito di chiunque voglia ospitarci per ascoltare la nostra musica. E poi abbiamo in progetto un lp per il prossimo anno.

Mi elenchi tre valori per la nostra società che sono contenuti nel vostro disco?

La forza di credere, di provarci, di fare qualcosa di essere determinati. La bellezza che è un valore altissimo perché non è una cosa esteriore, è un lasciarsi andare, un vedere oltre. La semplicità perché non c’è bisogno di cose complicate, ricercate, c’è bisogno di essere diretti e arrivare al cuore.

Chi ti piacerebbe che ascoltasse il vostro disco?

Caterina Caselli, sia perché produce gli artisti che a noi piacciono che perché ammiriamo il suo coraggio, il suo percorso, il suo lavoro e la sua determinazione.

A quale fascia di pubblico è diretto il vostro disco?

Noi speriamo che arrivi a tutti però abbiamo riscosso tantissimo successo nei bimbi. Ai bimbi è piaciuto molto probabilmente perché ha un taglio molto diretto ed emozionale quindi questa fascia di età ci ha stupito. Ci sono arrivati video di bambini che cantano le nostre canzoni. E ci siamo davvero emozionati.

Che cosa pensate dei talent show?

Non siamo molto d’accordo con questo modo di veicolare la musica e di lanciare i giovani artisti. Non si può ridurre un percorso artistico a due minuti. Non è quella la via. E’ troppo estemporaneo e troppo lasciato al caso. La parte artistica viene schiacciata dall’ansia e da una serie di altri fattori.
MEMA, Il sole è irraggiungibile è composto da 5 brani più una ghost track in acustico. L’EP è registrato presso gli studi O.U.T. SIDE STUDIO di Michele Quaini e“POPGARAGESTUDIO” di Emiliano Bassi.

Le tracce sono tutte disponibili nei digital stores.

di Greta Crestani