di Claudia Passanante e Valerio De Vita. Il corpo è una macchina perfetta e, come tutte le macchine, funziona correttamente solo se le totalità delle sue componenti sono sincronizzate ed in armonia tra di loro, ma basta il malfunzionamento di un solo elemento che tutto il sistema ne risente. Non esistere benessere fisico senza benessere mentale né viceversa.

KEEP CALM and mens sana in corpore sanoIl cervello è il motore potente della macchina corpo: dirige, coordina e gestisce qualsiasi cosa che accade dentro di noi, è responsabile del funzionamento dei nostri organi, dei nostri tessuti, dei nostri muscoli; invia impulsi alle cellule che permettono la nostra sopravvivenza; è come un grande maestro d’orchestra che deve dirigere tanti strumenti musicali tutti diversi tra loro ed ognuno con le proprie peculiarità, particolarità e specificità, per arrivare a creare la sinfonia perfetta. 

Tutti gli organi del nostro corpo sono coordinati tra loro e la funzione principale è garantire la vita dell’essere umano. Ogni organo, è per natura predisposto alla guarigione, ma il benessere completo si ottiene quando esiste un equilibrio tra mente e corpo.

Una delle innumerevoli cause che può portare ad alterare tale equilibrio è lo stress, determinato dallo stile di vita e da tutto ciò che può disturbare giornalmente un individuo.

In caso di stress il sistema mente-corpo reagisce inviando input chiari e concreti di alterazione della condizione di equilibrio, “campanellini di allarme” concatenati tra di loro per informare che qualcosa non funziona più correttamente, che qualche meccanismo si è inceppato e si deve lavorare per riportare l’organismo nella situazione di equilibrio.

Il primo segnale è l’attivazione dell’ormone dello stress: la noradrenalina che, andando in circolo all’interno dell’organismo, sottopone i muscoli a tensione predisponendoli in uno stato di allerta e di guardia; se l’individuo è costantemente stressato e ansioso, la tensione muscolare diventa cronica, e la condizione di malessere diviene evidente rispecchiandosi anche dal punto di vista strutturale dell’organismo in quanto si tende ad assumere una postura” più guardinga, non propriamente rilassata e naturale.

Ciò può comportare, a sua volta, una serie di alterazioni che dal sistema connettivale incidono su tutto l’organismo generando nel tempo innumerevoli disfunzioni muscolo-scheletriche ed organiche.

Il muscolo, sempre in tensione, irrigidito, sottoposto ad un carico errato, nel lungo periodo, diventa vulnerabile alla minima sollecitazione aumentando così le possibilità che si verifichi uno strappo, una contrattura o una qualche forma di dolore generalizzato come la cefalea.

Le fibre muscolari sono geneticamente e naturalmente progettate per tendersi e rilassarsi, ma se tale ciclo si altera si va incontro a problemi, tra cui contratture e crampi, che possono essere molto fastidiosi, causano disagi nello svolgimento della vita di tutti i giorni sottoponendo l’individuo ad uno stato di costante malessere fisiologico; ma non solo: per ragioni che non sono ancora del tutto chiare, le persone che vivono perennemente in uno stato di ansia e di stress sono più inclini alla disidratazione (forse perché si suda maggiormente e non si presta attenzione a bere abbastanza), che ha tra i suoi primi effetti proprio la contrattura muscolare!

Infine, sotto stress, il corpo risponde alle sollecitazioni utilizzando preziose sostanze nutritive, come il magnesio, di cui i muscoli e le ossa si possono trovare improvvisamente sguarniti e carenti se non correttamente reintegrati: ecco ancora spasmi muscolari e contratture!

Utili per la prevenzione sono le tecniche di rilassamento, come la meditazione, lo yoga, oppure sedute di stretching; importante è anche sforzarsi di adottare la corretta postura. Se la contrattura o il dolore muscolare sono estemporanei, un antidolorifico antinfiammatorio come l’ibuprofene, può andare bene per alleviare i sintomi ed i risultati si hanno rapidamente; inoltre trattare la parte con fonti di calore è il miglior rimedio naturale: con il phon ad esempio, ma anche con una borsa d’acqua calda, una doccia relax, o fasce calde acquistabili in farmacia.

Bisogna prestare anche molta attenzione alla localizzazione, alla persistenza del dolore e delle tensioni muscolari in determinate aree, come ad esempio il muscolo trapezio, in quanto possono essere segnali di avviso riguardo altri disturbi localizzati in aree diverse del nostro corpo, in questo caso una cattiva occlusione dentale potrebbe essere l’origine di tale alterazione e di conseguenza, per trovare una soluzione a tale disturbo, sarebbe opportuno approfondire le indagini consultando altri professionisti (es. dentista).

Nella vita di tutti i giorni è bene prendere alcuni piccoli accorgimenti per prevenire gli strappi e le tensioni muscolari: è molto importante prestare attenzione ai pesi che portiamo cercando di bilanciare il carico in egual modo su ambo i lati del corpo (es. quando andiamo a fare la spesa); bisogna stare attenti anche ai movimenti improvvisi che possono capitare in qualsiasi momento della giornata ed in ogni contesto; se si svolge un attività fisica all’esterno, come andare a correre, è bene coprirsi ed evitare i colpi di freddo perciò sarebbe opportuno proteggere le parti delicate, come il collo, con un foulard; altra forma di prevenzione è l’importanza di alternare, soprattutto nel periodo di crescita, più sport possibili e non sarebbe da sottovalutare anche l’importanza di una visita baropodometrica.

Mens sana in corporea sano, il nostro corpo è si una macchina perfetta, ma ha bisogno di continua manutenzione e in condizioni ideali, se ben allenato, può garantire prestazioni eccezionali!

Ma tutto parte dalla testa e se qualcosa ci disturba, ci crea tensione e ansia, siamo più deboli a livello fisico, le nostre difese diventano “svogliate” ed è proprio in questi momenti che dobbiamo innalzare la soglia di attenzione cosi da aiutare il nostro corpo rispondendo ai segnali che lui stesso ci invia.