di Claudia Passanante. Il problema dell’avere un problema è delegare al mondo esterno la causa e soprattutto la risoluzione di esso in quanto ciò rischia di confermare l’incapacità di prenderci cura di noi stessi e di proteggerci;  inoltre mettere il nostro benessere personale nelle mani di altri può essere pericoloso per la nostra autostima.

lampadina

Chi fa da sé fa per tre è un famoso proverbio della cultura popolare italiana, nulla di più efficace e veritiero per colui che decide di dare una svolta alla propria vita!

Solitamente, chi ha un problema, delega la responsabilità e la risoluzione di esso al mondo esterno, ci si convince che siano gli altri la causa e soprattutto i detentori delle possibili soluzioni, ma ciò, ahimè, non fa altro che continuare ad alimentare una condizione di malessere e frustrazione in quanto questo meccanismo ci rende impotenti.

Così facendo si rischia di danneggiare la propria autostima con la conferma dell’incapacità di prendersi cura di sé stessi, inoltre, ci espone a possibili delusioni soprattutto perché non sempre gli altri possono o sono in grado di soddisfare le aspettative e di risolvere i problemi altrui.

Delegare agli altri è semplice, mentre lavorare su sé stessi è decisamente impegnativo e complicato ma allo stesso tempo è più soddisfacente in quanto a noi stessi dobbiamo la gratitudine dei nostri risultati ed allo stesso tempo i nostri errori,  solo nostri, sono il miglior mezzo per migliorare imparando da essi (tutto ciò non sarebbe possibile se gli errori fossero commessi da altri!).

Gli errori sono molto utili in quanto, se ce ne si assume la piena responsabilità, sono un’ottima fonte di crescita personale e di miglioramento; se invece si tende a spostare il focus dell’attenzione verso il mondo esterno, dando “la colpa” ad altri, allora si rischia di essere perennemente in balia degli eventi e di avere un ruolo poco determinante per sé stessi; ciò può essere molto deleterio e causare un malessere generalizzato sfociando in situazioni di ansia per il bisogno continuo di controllare il mondo esterno con la finalità di ricevere le soluzioni sperate.

Siamo esseri umani, sbagliare è umano, ma per far sì che gli errori siano uno spunto per migliorare bisogna capire innanzitutto dove ha avuto origine l’errore, riflettere sulle cause che ci hanno portato in una situazione sbagliata è fondamentale per far sì che possiamo porvi rimedio; è necessaria l’impostazione di una nuova linea di azione esercitandosi sul cambiare le abitudini in quanto possono essere nocive e causa di mantenimento dell’errore; lamentarsi è errato in quanto sposta la nostra attenzione sul nutrire il problema invece che pensare a cosa noi possiamo fare per risolvere la questione.

Il cambiamento, per essere efficace, deve avvenire dall’interno altrimenti non si avrà alcun beneficio!

Il primo passo da fare è imparare a conoscersi, entrare in contatto con le proprie emozioni, viverle nella loro totalità e cercare di comprenderle, accoglierle e non respingerle, analizzarle nude e crude nel momento in cui si presentano.

Prendere coscienza di noi stessi, di come reagiamo di fronte alle situazioni della vita, è fondamentale per capire il nostro potere personale e fare in modo di non essere più in balia del mondo esterno.

Lavorando su sé stessi la situazione cambia in quanto diventiamo solo ed esclusivamente noi i padroni e gli artefici del nostro benessere personale.

La volontà di cambiare le cose è essenziale, è una grandissima forza motrice e non esiste alcun cambiamento senza di essa.

È utile fare un elenco dei possibili benefici che si vogliono ottenere dal lavoro su se stessi, ciò permette di rafforzare sia la motivazione che il desiderio di cambiare; molto importante, inoltre, assumersi la responsabilità di tutte le azioni, solo così possiamo essere illuminati dalle possibili soluzioni.

L’unico modo per evitare di farsi del male ed uscire dalla spirale di malessere è quindi prendere in mano le redini della situazione: spostare la responsabilità del benessere nelle nostre mani invece che nelle mani altrui è fondamentale per iniziare un percorso di crescita personale e per trovare le soluzioni ai nostri problemi!