di Jacopo Di Bonito. Il progetto ha visto la partecipazione entusiasta di 38 bambini, frequentanti le quinte A e B del Secondo Circolo plesso Rodari. Si è partiti dalla storia dell’Archeologia, per indagare poi la varietà delle testimonianze archeologiche giunte fino ai giorni nostri. Il momento topico dell’intero progetto è stata la simulazione di scavo, realizzata all’interno del cortile della scuola.

WhatsApp-Image-20160513

Educare gli alunni all’archeologia, portandoli per mano a scoprire le tecniche di scavo, di ricostruzione e di valorizzazione. E’ questo il cuore del progetto, dal titolo “Lo Studio dell’antico per il presente”, realizzato dagli archeologi Federica Bertino e Fabio Marcello Pirozzi presso il Secondo Circolo Didattico di Pomigliano d’Arco plesso Rodari .  Il corso ha visto la partecipazione entusiasta di 38 bambini, frequentanti le quinte A e B dell’Istituto.  Agli alunni è stato proposto un programma innovativo e sperimentale all’interno del quale gli archeologi hanno alternato, alle classiche lezioni teoriche, vere e proprie simulazioni di scavo e di ricostruzione di reperti archeologici.

I bambini hanno potuto così imparare a distinguere i diversi materiali, ma soprattutto hanno messo in pratica alcune tecniche di costruzione proprie del mondo antico. Si è partiti dalla storia dell’Archeologia, per indagare poi la varietà delle testimonianze archeologiche giunte fino ai giorni nostri.
DSC_1567

Il momento topico dell’intero progetto è stata la simulazione di scavo, realizzata all’interno del cortile della scuola. Gli archeologi hanno sotterrato alcuni manufatti ed hanno chiesto agli alunni di utilizzare le tecniche di scavo impartite loro durante le lezioni in classe. “E’ stata una giornata incredibile. I bambini erano entusiasti ed hanno messo in pratiche tutte le cose imparate con precisione e passione”. Spiegano gli archeologi  Fabio Marcello Pirozzi e Federica Bertino. “Con questo progetto abbiamo voluto – aggiungono gli esperti –  trasportare i bambini nel mondo dell’archeologia, affinché tutti potessero capire l’importanza della scoperta e della valorizzazione dei reperti storici. E’ stato davvero entusiasmante vedere ragazzini così piccoli appassionarsi alle tecniche di scavo, alla realizzazione di vasi in ceramica ed alla storia del mondo antico”.

L’ambizioso progetto, partito circa tre mesi fa, vedrà la sua conclusione sabato 14 maggio alle ore 10.30 presso la palestra del Secondo Circolo Didattico di Pomigliano D’Arco plesso Rodari. Gli archeologi, grazie alla collaborazione totale dei docenti e della dirigente scolastica, hanno organizzato una mostra, aperta a tutti, nella quale i giovani alunni esporranno alcuni lavori realizzati in classe e saliranno letteralmente in cattedra per spiegare agli avventori le fasi più importanti di uno scavo archeologico.