di Federico Facello. Con la vittoria dell’Ungheria sull’Austria ed il pari tra Portogallo e la debuttante Islanda, il Girone F, è di sicuro quello che regala più sorprese al termine della prima giornata di Euro 2016.

Girone FCon le due partite del Girone F, si è conclusa la prima giornata di tutti e sei i Gironi di Euro 2016, abbiamo ammirato da vicino tutte e 24 le Nazionali che prendono parte alla fase finale di questa competizione ed abbiamo un’iniziale idea delle possibile favorite alla vittoria finale.

Nelle due gare del Girone F ci sono state, forse, le più grandi sorprese del torneo, almeno fino ad ora, con l’affermazione dell’Ungheria sulla più quotata Austria ed il pari della “debuttante” Islanda sul Portogallo di Cristiano Ronaldo.

Primo match del girone vede opposte la squadra austriaca a quella ungherese, una gara che ha visto nella prima fase di gioco una supremazia degli uomini di Ct Koller che dopo neppure un minuto di gioco sfiorano il vantaggio con una grande azione personale di Alaba che colpisce un clamoroso palo a Kiraly, estremo difensore magiaro e record man come giocatore più anziano a disputare una partita degli europei con i suoi 40 anni e 74 giorni, ormai battuto.

Primo tempo tutto di marca austriaca con Alaba ancora pericoloso al 10’ e con Januzovic che a poco dall’intervallo impegnava nuovamente Kiraly in un difficile intervento.

Si va così al riposo sullo zero a zero e al ritorno dagli spogliatoi mentre in tanti si aspettano il meritato vantaggio austriaco è l’Ungheria, a sorpresa, a portarsi in vantaggio con Szalai che al 63’ si presenta solo innanzi all’estremo difensore avversario e l’anticipa in scivolata portando così in vantaggio i suoi.

Gli austriaci risentono dello svantaggio e restano in dieci per la doppia ammonizione subita da Dragovic, subendo al 88’ il raddoppio magiaro ad opera di Stieber abile a scavalcare con un morbido pallonetto Almer proteso in uscita.

Nella seconda gara del Girone F il Portogallo, favorito per la supremazia nel raggruppamento, incappa in un clamoroso pareggio contro l’Islanda che complica e non di poco i progetti di qualificazione agli ottavi di finale degli uomini di Ct Santos.

Con un Cristiano Ronaldo, non in serata di grazia, i lusitani hanno la grave pecca di sprecare troppo nella prima frazione di gioco, conclusa soltanto sul 1-0 in proprio favore grazie alla marcatura di Nani, tra i migliori in campo.

Nella ripresa, a causa di un clamoroso errore difensivo portoghese, è Bjarnason (ex di Pescara e Sampdoria) al 50’ a riportare il risultato in parità.

A nulla servirà il forcing portoghese finale che, pur sfiorando in un paio di circostanze il nuovo vantaggio, non cambierà più il punteggio decretando, così,  il primo storico punto in una fase finale di un Europeo per la nazionale islandese.

I match della seconda giornata, del 18 di Giugno che vedranno la “sorpresa” Islanda affrontare l’Ungheria ed il Portogallo l’Austria ci diranno di più su chi tra le formazioni del Girone F potrà ambire a superare il turno e a proseguire il cammino in questo Euro 2016.