di Greta Crestani. Il cantautore lombardo Alex Normanno torna a trovarci per parlare dei suoi successi imminenti e dei progetti futuri. 

Ciao Alex, e bentornato a Futuramemoria, ci parli un po’ di L’Ultima volta?

L’ultima volta è un brano nato dalla collaborazione con Massimo Tornese e con il produttore Aki Chindamo ed è stato fatto per essere proposto a Sanremo 2017. Nonostante sia stato ascoltato e apprezzato, non ho passato le selezioni. Quindi è uscito come singolo.

Il testo di cosa parla?

È l’ultimo incontro fra un uomo e una donna. Nonostante una parte di lui sia assolutamente consapevole della fine della loro storia, un’altra parte di lui non si rassegna e le chiede di restare, di non andare via, di fermarsi ancora un minuto.

È una canzone autobiografica?

Si, racconta una parte della mia vita.

Come fa un brano ad essere autobiografico e nello stesso tempo ad avere anche carattere universale?

I brani che canto sono essenzialmente autobiografici perché non riuscirei ad arrivare a cantare un brano che non sento dentro. Devo vivere delle esperienze in prima persona per poi arrivare a comunicare come io desidero. Le situazioni però parlano di esperienze di vita quotidiana. Ed è chiaro che sono cose comuni un po’ a tutti. L’essenza stessa dell’essere umano ama, odia, talvolta è spirituale. Il mio brano è autobiografico e anche universale. Perché le emozioni hanno carattere universale.

Vogliamo ricordare un po’anche il tuo successo precedente?

Sì,  Non c’è modo di scappare amore che è uscita lo scorso luglio è una canzone a cui devo molto, ha avuto 200000 visualizzazioni su youtube, mi ha portato per 5 settimane nella top ten di Airplay Italia ed è stato nella top 100 per tre mesi consecutivi.

Che cos’è per te l’empatia?

Per me è una caratteristica fondamentale per rapportarsi con le persone. Ma non è scontata, è una dote, un dono concesso a pochi. Purtroppo molte persone che si credono empatiche si rivelano poi molto superficiali.

La musica cura?

Certo, innanzitutto per me è curativa perché tutto ciò che io ho difficoltà a dire a voce, ad esprimere a parole, riesco a veicolarlo attraverso la musica. E poi è un antiinfiammatorio eccezionale per ogni dolore. E sono felice se ogni tanto o forse spesso le mie canzoni diventano cura per qualcuno. È il modo migliore per sentirmi realizzato.

Quali sono i prossimi progetti?

In primavera uscirà sia il videoclip di L’ultima volta che i brani degli ultimi due singoli in versione spagnola. Infatti un’altra grande soddisfazione di quest’anno è stata l’apertura anche al mercato spagnolo e portoghese. Poi sto lavorando ad un altro brano scritto con Simone Tomassini che si chiamerà Arcobaleno. Per la prima volta Alex Normanno non parlerà di amore.

Allora aspettiamo con ansia di scoprire i tuoi prossimi lavori.
A presto.