10.000 nuovi posti di lavoro in Europa: Facebook vuole creare un ‘Metaverse’

10.000 nuovi posti di lavoro in Europa
Facebook vuole creare un ‘Metaverse’

Facebook annuncia di voler creare un “metaverso” – e non solo: l’Europa e diverse aziende contribuiscono a plasmare questo cyberworld con circa 10.000 nuovi posti di lavoro. La mossa potrebbe avere qualcosa a che fare con le gravi accuse secondo cui l’azienda statunitense è attualmente sottoposta a enormi pressioni.

Facebook vuole creare 10.000 nuovi posti di lavoro altamente efficienti nell’Unione Europea nei prossimi cinque anni per costruire il Metaverso. Lo ha annunciato il direttore di Facebook, Nick Clegg, in un post sul blog. “Questo investimento è un voto di fiducia nella forza dell’industria tecnologica europea e nel potenziale dei talenti tecnologici europei”, ha scritto l’ex vice primo ministro britannico.

Facebook intende il “Metaverso” come un mondo in cui la realtà fisica, la realtà aumentata (AR) e la realtà virtuale (VR) si fondono nel mondo online. Il termine è preso dallo scrittore americano Neil Stephenson, che lo usò per la prima volta nel 1992 nel suo romanzo di fantascienza Snow Crash.

Clegg, che è effettivamente il segretario di stato della società Internet, ha affermato che Facebook era all’inizio di un viaggio che avrebbe dovuto aiutare a costruire la piattaforma del futuro. “In collaborazione con aziende partner, stiamo sviluppando il ‘Metaverse’, una nuova fase di esperienze virtuali in rete che utilizzano tecnologie come la realtà virtuale e la realtà aumentata”. “Metaverse” ha il potenziale per aprire l’accesso a opportunità creative, sociali ed economiche completamente nuove. E l’Europa contribuirà a plasmarlo fin dall’inizio. ”

L’ex manager di Facebook solleva accuse

Nessuna singola azienda possiederà e gestirà il Metaverse. “Come Internet, il Metaverse sarà aperto e interoperabile”. Clegg ha sottolineato che l’Europa è molto importante per Facebook. “Qui, le migliaia di dipendenti e i milioni di aziende che utilizzano le nostre app e i nostri strumenti ogni giorno contribuiscono al nostro successo”. L’Unione europea ha molte risorse che la rendono un luogo ideale per investire in aziende tecnologiche.

L’annuncio di Facebook arriva in un momento in cui il gruppo statunitense è sotto una tremenda pressione a livello internazionale. In un’audizione al Senato degli Stati Uniti all’inizio di ottobre, l’ex capo di Facebook e informatore Frances Hogan ha invitato i politici a costringere Internet a essere più trasparente. Il 37enne ha accusato Facebook, tra le altre cose, di sapere da studi interni che Instagram danneggia la salute mentale di alcuni adolescenti, ma non è stato fatto nulla al riguardo. La società ha anche prodotto titoli negativi perché un errore nelle impostazioni di rete ha portato a un tempo di inattività di sei ore su Facebook e sulle sue affiliate Whatsapp e Instagram.

READ  NFT: il terreno d'asta del business digitale in Francia

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *