1970 Plymouth Bay “Huracan” sembra una muscle car italiana con rendering veloce

Guardando la star che si gode la terza generazione di Plymouth Barracuda in questi giorni, è difficile credere che le precedenti incarnazioni di Two Doors abbiano dovuto gestire un film a pagamento al giorno poiché era basato su Valiant. È stato il modello del 1970 con questo titolo di rendering a cambiarlo accettando una nuova piattaforma condivisa con la nuova Dodge Challenger.

Plymouth ha presentato il modello General III in tre gusti: il Barracuda standard, la Gran Coupé più lussuosa e la baia che crea dipendenza. Questo ritratto pixel, che porta un approccio radicale, utilizza l’ultimo punto come punto di partenza.

Il cofano vibrante di questa muscle car degli anni ’70 era la sua caratteristica audace e, mentre era ancora lì, il titolo ha sicuramente catturato alcuni dei pezzi appena scoperti del veicolo.

Per comprendere l’origine di questo progetto, dobbiamo prima discutere la creazione nel mondo reale dell’artista digitale Tom Host. Stiamo parlando del fan delle canne da topo che ha deciso di tagliare la Ford Model de Coupe del 1927 in una macchina del genere, noterai nel post di Instagram qui sotto. L’azionamento è fornito da un’unità a quattro cilindri Honda K24, dotata di un turbo (400 CV può essere un’aspettativa conservativa).

1970 Tornando a Plymouth Bay, il tetto non viene tagliato (gioco di parole). Quindi, l’appassionato ha anche regalato parte dell’America con alcuni elementi presi in prestito dal mondo Lamborghini, come mostrato sul retro della macchina: ehi, sono Hurricane Light Clusters!

Tuttavia, i componenti aerodinamici di grandi dimensioni montati sul motore del moper, come l’ala posteriore a collo di cigno e lo splitter anteriore a corpo staccato, resistono facilmente agli elementi che vedi nell’auto Hurricane Super Trophy Evo, sebbene non siano sollevati da un tale giocattolo di sport motoristici.

READ  Questa giuria al Festival di Cannes presenterà Palm D'Or 2021

Il Pixel Master ha anche portato l’ambiente nella baia, quindi possiamo effettivamente vedere il mostro emergere dall’ombra.

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *