20 anni fa: Alessandro Zanardi ha avuto un incidente al Lausitzring

20 anni fa: un incidente al Lausitzring

Quando Alex Zanardi è quasi morto

foto: dpa / m. struttura

Della salute di Alessandro Zanardi si è saputo poco. L’ex pilota di Formula 1 sta lottando per tornare in vita dopo aver subito un grave incidente, come ha fatto 20 anni fa. A quel tempo ha avuto un incidente al Lausitzring. Di Andreas Frebel

C’è grande attesa per il 15 settembre 2001 al Lausitzring: quasi 100.000 spettatori vogliono assistere alla prima gara americana di Champ Cars in Europa. Quattro giorni dopo gli attacchi terroristici a New York e Washington – e fino alla fine non era chiaro se la performance dell’ospite avrebbe mai avuto luogo.

Ma Champ Cars non vuole soccombere all’orrore: la gara è iniziata. Tutto è andato secondo i piani, anche poco prima della fine, Alessandro Zanardi ha avuto un terribile incidente: uscendo dai box, il pilota italiano è uscito per un attimo sul filo dell’erba – la sua vettura è stata scaraventata in pista ed è andata a sbattere contro con un’altra vettura da corsa a una velocità superiore a 300 km/h. L’auto di Zanardi è divisa in due.

Zanardi si rianima sette volte

Zanardi ha dichiarato anni dopo in un’intervista: “Quando il medico di gara è entrato, è scivolato sull’asfalto. Come ho sentito più tardi, pensava che fosse olio per motori. Ma era il mio sangue”.

Mentre l’ARD interrompe la sua trasmissione in diretta dopo le orribili immagini, i medici combattono per la vita dell’italiano. Zanardi va rianimato sette volte. È stato portato in elicottero alla clinica per incidenti di Berlino – Marzan. Lì subentra il professor Walter Shavarczyk – e in seguito deve portare la cattiva notizia al pubblico: “Entrambe le gambe dovevano essere amputate. Non c’era modo medico per preservarle. Sono state completamente distrutte”.

Sei settimane dopo l’incidente, Zanardi lascia l’ospedale su una sedia a rotelle e fa progetti per il suo futuro: vuole continuare a correre! Questo è quello che fanno gli italiani. Nel 2003, è tornato sul circuito del Lausitzring ed è rimasto bloccato con un’auto da corsa appositamente convertita per i tredici giri che ha perso fino alla fine del giorno dell’incidente. “Ho avuto la pelle d’oca quando ho pensato a cosa stava succedendo qui”, ha ammesso Zanardi in seguito in un’intervista.

“Avevo paura degli squali”

grave collisione

Sfortunatamente, la storia dell’italiano amante dello sport include anche un altro brutto incidente: nel giugno 2020, Zanardi si è schiantato contro un camion mentre allenava un handbike in Toscana. Si sta preparando per le Paralimpiadi di Tokyo.

Poi ha trascorso mesi in ospedale con gravi ferite alla testa, a volte in coma.

Non ci sono quasi informazioni sulla sua salute. Sua moglie Daniela ha detto a malincuore all’inizio di luglio che era stabile. Parla di ricadute e altri interventi neurochirurgici che erano necessari. Alex sta ora facendo programmi di allenamento sia per il cervello che per il corpo. Fino ad ora, non poteva parlare di nuovo, le corde vocali dovevano essere allenate.

Anche questa volta lo sport sembra salvare la vita ad Alessandro Zanardi. “Ha ancora molta forza nelle braccia e nelle mani e si allena molto con le macchine”, dice sua moglie.

Trasmissione: Inforadio, 15 settembre 2021, 7.15

READ  Costel denuncia la mancanza di fair play dei Verdi

You May Also Like

About the Author: Silvia Tocci

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *