35 nuove onde gravitazionali scoperte dagli astronomi: cattura record!

Le onde gravitazionali sono il segno residuo nello spazio-tempo di eventi cosmici estremi. Gli astronomi hanno appena aggiunto almeno 35 nuove rilevazioni di onde gravitazionali a un catalogo che ora ne include 90. Ciò che potrebbe finalmente rivelare i segreti di oggetti strani e meravigliosi come i buchi neri e le stelle nei neutroni.

Sarai interessato anche a te


[EN VIDÉO] Onde gravitazionali: la loro scoperta spiegata in un minuto
Ecco, le onde gravitazionali vengono rilevate. Queste fluttuazioni nello spaziotempo derivano dalla fusione di due buchi neri con una massa 30 volte quella del nostro Sole. Scopri in questo video come gli scienziati di Ligo sono stati in grado di effettuare queste prime misurazioni.

quando buchi neri o qualche le stelle di neutroni si scontrano, l’effetto rende come una vibrazione uniformespazio tempo. Un po’ come lanciare un sassolino in una pozza d’acqua. L’onda è formata. onda attraente. Il fenomeno è stato scoperto per la prima volta circa cinque anni fa. Oggi, un team ha annunciato di aver notato almeno 35 notizie di questo tipo onde gravitazionali. Un numero record che porta il totale dei rilevamenti a 90!

Il Scienziati di astronomia di OzGrav (Centro di eccellenza ARC per il rilevamento delle onde gravitazionaliÈ stato riferito che le visualizzazioni si sono verificate tra novembre 2019 e marzo 2020. Tra queste onde gravitazionali, poche spiccano. GW191219_163120, ad esempio, è causato dalla collisione tra un file Buco nero E una delle poche stelle di neutroni mai scoperte. GW191204_171526 rappresenta un file fusione Due buchi neri, uno dei quali ruota verticalmente. GW191129_134029 dal canto suo nasce dalla confluenza di due buchi neri con una massa di soli 18 volte la massa della nostra. Soleil. Mentre GW200220_061928 è formato da buchi neri con una massa superiore a 145 volte la massa della nostra stella.

READ  Epic Games Giochi per PC gratuiti: questi titoli sono attualmente disponibili gratuitamente

In totale, i ricercatori hanno contato 32 onde gravitazionali Sono il risultato di collisioni di buchi neri e due delle collisioni tra un buco nero e una stella di neutroni. Le ultime 35 notizie osservate rimangono un mistero. In effetti, l’oggetto più leggero nella collisione che lo ha dato alla luce sembra troppo pesante per essere una stella di neutroni, ma troppo leggero per essere un buco nero.

Alla scoperta dei segreti di coppie di buchi neri e stelle di neutroni

“Questa vasta gamma di funzioni è fantasticaIsobel Romero Shaw, ricercatrice presso la Monash University (Australia), in a Comunicato stampa di OzGrav. Le caratteristiche di tali masse e cicli di queste coppie possono dirci come si formano. – Se gli oggetti si sono evoluti separatamente o se provenivano da coppie di stelle, per esempio. La diversità delle nostre osservazioni solleva interrogativi interessanti sull’origine di queste coppie di buchi neri e stelle di neutroni”.

Tanto più che la moltiplicazione delle scoperte consente agli scienziati non solo di esaminare le caratteristiche individuali delle coppie osservate, ma anche di considerare lo studio di questi eventi cosmici come una popolazione. Basta iniziare a capire le tendenze globali e le caratteristiche di questi oggetti estremi. E così i ricercatori hanno già analizzato le distribuzioni di massa e le proprietà di spin per cercare di correlarle con il luogo in cui si formano queste coppie di oggetti estremi. “Ci sono caratteristiche che vediamo in queste distribuzioni che non possiamo ancora spiegare e apre alcune interessanti domande di ricerca per l’esplorazione futura”.Shanica Galladge, anche lei ricercatrice presso la Monach University, afferma.

READ  TP-Link Deco X90, introduce il nuovo sistema Wi-Fi 6, con velocità fino a 6600 MB / s

Gli astronomi ricordano che niente di tutto questo sarebbe possibile senza una cooperazione internazionale di alto livello e la mobilitazione di osservatori connessione (USA), Vergine (Italia) e Kagra (Giappone). Senza il continuo miglioramento anche dei rivelatori che permette, nel corso dei mesi, di aumentare la sensibilità degli strumenti. Con la speranza, un giorno, di catturare le onde gravitazionali generate da Le stelle esplodono in una supernova. Una quarta sessione osservativa dovrebbe iniziare nell’agosto 2022. Nel frattempo, i ricercatori continueranno a lavorare sui dati già raccolti con l’obiettivo, tra l’altro, di scoprire eventualmente nuovi tipi di onde gravitazionali.

Ti interessa quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Dario Calabresi

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *