Al via le prime elezioni “solo patriottiche” di Hong Kong

HONG KONG (Reuters) – Meno di 5.000 persone di Hong Kong provenienti da circoscrizioni per lo più pro-establishment hanno iniziato domenica a votare per i candidati alla commissione elettorale verificata come pro-Pechino che sceglieranno il prossimo leader della città sostenuto dalla Cina e alcuni altri. della sua legislatura.

I candidati a favore della democrazia sono quasi assenti dalle prime elezioni di Hong Kong da quando Pechino ha revisionato il sistema elettorale della città per garantire che “solo i patrioti” governino la città più libera della Cina.

“L’intero obiettivo di migliorare il sistema elettorale è garantire che i patrioti governino Hong Kong”, ha dichiarato domenica mattina l’amministratore delegato di Hong Kong Carrie Lam.

“Dubito fortemente che un altro governo o paese consentirebbe un’elezione generale alla propria legislatura locale per le persone il cui compito è minare l’interesse nazionale o la sicurezza nazionale”.

La commissione elettorale sceglierà 40 seggi nella rinnovata legislatura a dicembre e sceglierà l’amministratore delegato a marzo.

La polizia ha rafforzato la sicurezza in tutta la città, con i media locali che hanno riferito che dovrebbero essere schierati 6.000 ufficiali per garantire un voto regolare, con circa 4.900 persone che dovrebbero esprimere il proprio voto.

Le modifiche al sistema politico sono l’ultima di una serie di mosse – inclusa una legge sulla sicurezza nazionale che penalizza tutto ciò che Pechino considera sovversione, separatismo, terrorismo o complicità con potenze straniere – che hanno messo la piazza finanziaria internazionale su un percorso autoritario.

La maggior parte degli attivisti e dei politici democratici di spicco sono ora imprigionati o sono fuggiti all’estero.

Il parlamento cinese ratificato a maggio ha cambiato il sistema elettorale di Hong Kong, ha ridotto la rappresentanza democratica nelle istituzioni e ha introdotto un meccanismo per valutare i candidati e i vincitori delle elezioni. Tutto questo ha rimosso ogni influenza che l’opposizione era in grado di esercitare.

READ  Una nave da carico, recentemente guidata da un israeliano, si scontra in alto mare

I cambiamenti hanno anche notevolmente ridotto l’impatto della città I potenti imperatori, sebbene i gruppi vicini ai loro interessi commerciali mantengano una presenza nel comitato di 1.500 persone che sceglie l’amministratore delegato di Hong Kong.

Smetti di lavorare, i bambini restano

La Cina ha promesso il suffragio universale come obiettivo finale di Hong Kong nella sua mini-costituzione, la Legge fondamentale, che afferma anche che la città gode di un’ampia autonomia da Pechino.

Gli attivisti per la democrazia e i paesi occidentali affermano che le riforme politiche stanno spostando la città nella direzione opposta, lasciando l’opposizione democratica nel suo spazio più ristretto da quando la Gran Bretagna ha restituito l’ex colonia alla Cina nel 1997.

La composizione del comitato di 117 membri del consiglio a livello comunitario, che è controllato dai democratici, è stata abolita, mentre sono stati aggiunti più di 500 seggi riservati a gruppi economici, politici e di base cinesi.

La nuova lista elettorale include organizzazioni a livello di comunità come il Modern Mummy Group e la Chinese Arts Papercutting Association, secondo quanto riportato da Cable TV.

La rappresentanza dei sottosettori professionali che tradizionalmente avevano la maggiore presenza a favore della democrazia è stata diluita con l’aggiunta di membri d’ufficio, riducendo il numero dei seggi eletti.

I calcoli di Reuters basati sul sito web della commissione elettorale hanno mostrato che circa il 70 percento dei candidati non è apparso nelle ultime due votazioni per la commissione, che aumenterà da 300 membri a 1.500.

Diversi uomini d’affari di spicco, tra cui l’uomo più ricco di Hong Kong Li Ka-shing, non faranno parte della commissione elettorale per la prima volta, poiché Pechino cerca di riequilibrare il potere dai grandi conglomerati alle piccole imprese.

READ  Cacciatorpediniere sudcoreano: oltre l'80% dell'equipaggio a bordo del Great Munmu risulta positivo al COVID-19

Tre magnati immobiliari – Lee, 93 anni, di CK Asset Holdings, Li Chau Kee, anche lui 93, di Henderson Land, e Henry Cheng, 74, di New World Development – hanno abbandonato la gara, anche se i loro figli manterranno i loro posti . .

(Segnalazione di Sarah Cheng ed Elon John). Segnalazione aggiuntiva di Greg Torode. Scritto da Mario Zaccaria. Montaggio di William Mallard e Edmund Kelman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *