Altmaier vuole più fabbriche di chip in Germania con project financing

Il ministro dell’Economia Peter Altmaier vuole anche espandere significativamente la produzione di microchip critici in Germania a causa di colli di bottiglia nelle consegne. L’obiettivo è avere più sovranità tecnologica e ridurre le dipendenze, ha detto mercoledì a Berlino il politico della CDU. La quota di mercato europea nella produzione globale di chip è destinata a raddoppiare fino al 20% entro il 2030.

Tuttavia, dato il forte aumento simultaneo della produzione mondiale, ciò significa un aumento di tre o quattro volte della produzione in Germania. Altmaier ha incontrato i rappresentanti di circa 50 aziende del settore della microelettronica. Il ministro ha detto che molte aziende sono disposte a investire.

È previsto un secondo grande progetto europeo. Secondo Altmaier, il governo federale ha previsto di finanziare circa tre miliardi di euro per questo nel bilancio. Tuttavia, questo importo può anche salire da cinque a dieci miliardi di euro, se necessario.

Il primo progetto congiunto europeo nel campo della microelettronica è già iniziato nel 2018. Nell’ambito di questo primo progetto, il governo federale sostiene 18 aziende tedesche che partecipano con un totale fino a 1 miliardo di euro alla costruzione di moderne fabbriche di chip entro il 2023 Secondo il ministero, negli stabilimenti di Bosch e Infineon sono stati realizzati o ampliati esempi di progetti di finanziamento. Le aziende tedesche hanno inoltre effettuato investimenti privati ​​per oltre 2,6 miliardi di euro e sono stati creati circa 2.400 nuovi posti di lavoro.

Altmaier ha affermato che questo è stato un passo importante per standardizzare le quote di mercato globali. Tuttavia, senza ulteriori sforzi, la quota si ridurrà poiché la produzione sta aumentando in tutto il mondo. Particolarmente forti sono i produttori dell’Asia e degli Stati Uniti. Un importante sito di semiconduttori in Germania è il cosiddetto Silicon Saxony a Dresda.

C’è anche una fabbrica di chip Globalfoundries lì. A tal fine, l’azienda prevede di potenziare un miliardo di euro per poter espandere la capacità produttiva di un fattore 2,5. Intel intende anche investire nella produzione europea di chip con la Germania come potenziale località. Intel offre fino a $ 100 miliardi per questo, purché il supporto del governo sia giusto.

I problemi di consegna dei semiconduttori sono attualmente un problema importante per l’industria automobilistica, ad esempio, con l’assenza di turni di lavoro e tempi brevi. “C’è bisogno di azione”, ha detto Altmaier. C’è un’enorme carenza di microprocessori di tutti i tipi. Ciò è dovuto al boom dell’economia globale dopo una grave recessione dovuta alla pandemia di Corona, ma anche a un enorme aumento della necessità di computer poiché molti dipendenti si sono trasferiti nei loro uffici domestici.

L’accesso a microchip a prezzi accessibili è diventato un problema competitivo. Il ministro ha affermato che il governo federale è anche in trattative con i principali investitori stranieri. In vista delle elezioni generali di fine settembre, vuole scommettere il nuovo governo per trovare un’agenda.

Secondo un documento diffuso dal ministero degli Affari economici, la microelettronica è “essenziale” per il successo di tecnologie come 5G e 6G, intelligenza artificiale o guida automatizzata. La microelettronica ha un’influenza decisiva su quanto sia innovativa e quindi economicamente di successo l’Europa.


(vacanza)

alla home page

READ  Kaufland ricorda: chi soffre di allergie non dovrebbe assumerlo in nessuna circostanza

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *