Australia Covid-19: più della metà del paese ora “convive con il Covid”. Il resto è ancora un po’ lontano

Victoria è il terzo stato o territorio – dopo il New South Wales (NSW) e l’Australian Capital Territory (ACT) – con cui iniziare a vivere COVID-19 Raggiunto l’obiettivo di una doppia vaccinazione per gli adulti del 70%.

L’allentamento delle restrizioni significa che a partire da venerdì, più della metà dei circa 26 milioni di australiani vivono con il virus, mentre le autorità nel resto del paese stanno spingendo per aumentare i tassi di vaccinazione mentre controllano i confini per tenerlo a bada.

La divisione ha creato un percorso a due velocità fuori dalla pandemia guidato dagli stati che hanno subito le maggiori perdite, vanificando gli sforzi del governo federale di riaprire l’intero paese agli arrivi stranieri per la prima volta in quasi due anni.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha dichiarato: “Dobbiamo muoverci a un ritmo con cui il pubblico australiano si senta a suo agio e dobbiamo dimostrare che l’apertura di quei confini avviene in modo sicuro e che possono sentirsi fiduciosi, perché voglio che apriamo con fiducia .” Venerdì.

I 6,7 milioni di residenti del Victoria possono ora lasciare le loro case per qualsiasi motivo, anche se dovranno mostrare la prova della vaccinazione completa per entrare negli spazi pubblici. I ristoranti possono soddisfare un numero limitato di commensali al chiuso, gli studenti sono tornati nelle scuole e non c’è più il coprifuoco alle 21:00 a Melbourne.

Tuttavia, i negozi che vendono beni non essenziali non apriranno fino a quando l’80% del paese non sarà stato vaccinato due volte e saranno necessarie mascherine da casa e dall’estero.

Tuttavia, la fine del blocco è un enorme sollievo per i residenti di Melbourne che hanno trascorso più di 260 giorni confinati nelle loro case, a cui è vietato partire se non per l’acquisto di generi alimentari o altri articoli essenziali, per lo più in due lunghi periodi da luglio a ottobre 2020 e Da agosto a ottobre di quest’anno. .

READ  L'attivista per i diritti umani degli Emirati Alaa Al-Siddiq muore in un incidente automobilistico britannico

Il recente blocco è stato avviato a causa dello scoppio della variante Delta Covid-19 altamente contagiosa. Anche con le porte aperte venerdì, lo stato ha registrato 2.189 nuovi casi e, man mano che le persone iniziano a muoversi, il numero di casi giornalieri dovrebbe continuare a salire.

paese diviso

I blocchi prolungati facevano parte dei tentativi dell’Australia di ridurre a zero le infezioni da Covid-19 nel paese, una strategia che ha avuto grande successo fino allo scoppio della variante delta. A partire da giovedì, l’Australia ha quasi segnato 152.000 casi di Covid-19 e 1.590 morti.

Ma l’inizio della riapertura del Victoria mette in evidenza un netto divario in Australia. Mentre più della metà del paese è in gran parte immune e convive con il virus, altri 11 milioni di persone vivono in stati con bassi tassi di vaccinazione che sono in gran parte privi di Covid-19.

Non è chiaro per quanto tempo i due australiani potrebbero tranquillamente convivere fianco a fianco. Parte del problema è che al di fuori dei punti caldi, non c’è stato un bisogno urgente per i residenti di farsi vaccinare.

Segnalati casi quotidiani di Covid-19

Attualmente, i tassi di vaccinazione negli stati sudorientali colpiti dal virus Covid sono molto più alti dei tassi di vaccinazione nel resto del paese. Ad esempio, oltre il 95% delle persone nell’ACT ha ricevuto la prima dose, ma quel numero scende al 57% nell’Australia occidentale senza Covid.

Al ritmo attuale delle vaccinazioni, l’Australia occidentale e altri paesi in gran parte liberi da Covid non dovrebbero raggiungere i loro obiettivi di doppia dose dell’80% per settimane.

Nel frattempo, restano in attesa per tenere a bada il virus. Giovedì nel Queensland, una rara violazione ha portato al primo caso positivo locale dello stato in settimane. Un uomo di 30 anni che è tornato di recente da Victoria aveva trascorso fino a 10 giorni mentre era contagioso nella comunità ed era molto malato di Covid-19 Difficoltà a parlare con i tracker del contratto.

Il premier del Queensland, Anastasia Pallaschuk, ha definito l’infezione una “sveglia” e ha avvertito i residenti che il tempo per una dose stava per scadere.

Il Queensland questa settimana ha rivelato i piani per riaprire i suoi confini in… 17 dicembre Indipendentemente dal fatto che il paese abbia raggiunto o meno l’obiettivo di doppia immunizzazione dell’80%. Il governo dell’Australia occidentale ha dichiarato martedì di non avere intenzione di farlo riaprendo i suoi confini per il resto del paese fino a dopo Natale.
Un barbiere si taglia i capelli mentre altri clienti aspettano fuori in una coda iniziata alle 4:30 del mattino a Melbourne il 22 ottobre.

La transizione “ può essere difficile

Il primo ministro Morrison giovedì ha riconosciuto che alcune parti del paese avevano “preoccupazioni per Covid”, ma ha affermato che questo era un motivo in più per vaccinare.

READ  I manifestanti tedeschi chiedono un'azione per il clima con l'avvicinarsi delle elezioni

“La vaccinazione dà fiducia per andare avanti”, ha detto.

Secondo il piano nazionale, i confini del Paese verranno riaperti quando i tassi di doppia vaccinazione raggiungeranno l’80%. Venerdì, Victoria si è unita al NSW annunciando la ripresa degli arrivi internazionali dal 1° novembre, senza che sia richiesta la quarantena in hotel per i viaggiatori completamente vaccinati.

Qantas ha anche fornito una data di partenza per i suoi voli pianificati per alcune rotte internazionali.

Finora, tutti i voli partono da Sydney, la prima città australiana ad aver iniziato a convivere con il Covid l’11 ottobre. Lì, i numeri dei casi giornalieri sono crollati. Giovedì, lo stato ha registrato 345 nuove infezioni, ben al di sotto dei livelli massimi di inizio settembre.

La più grande città australiana inizia a convivere con il Covid.  L'Asia starà a guardare

Le restrizioni si sono ulteriormente allentate lunedì quando il NSW ha raggiunto l’obiettivo dell’80% degli adulti completamente vaccinati. Le restrizioni sul numero di persone ammesse nelle case private sono salite a 20 e per la prima volta da mesi, i residenti possono praticare sport di comunità.

La riapertura del paese sta rallentando, alcune parti più velocemente di altre e gli stati si guardano l’un l’altro, e non solo, per avere una guida.

Finora, Singapore è l’unico altro esempio nell’area della comunità che è passato da una politica zero-Covid alla convivenza con il virus. Tuttavia, la città-stato ha lottato per trovare un equilibrio tra l’allentamento delle restrizioni e la prevenzione del numero di nuove infezioni dovute al sovraffollamento degli ospedali.

Singapore ha detto giovedì che sarebbe stato estendere le sue restrizioni Dopo che nelle ultime 24 ore sono stati registrati 18 decessi, il numero più alto a cui il Paese ha assistito dall’inizio dell’epidemia.

Lawrence Wong, co-presidente della task force Covid-19 a Singapore, ha dichiarato mercoledì che il personale medico è “sopraffatto ed esausto”.

READ  Le forze americane lasciano una grande base militare in Afghanistan

“Nella situazione attuale, affrontiamo un rischio significativo di sovraccaricare il sistema sanitario”, ha affermato.

Mentre alcuni esperti sanitari australiani hanno avvertito che il sistema sanitario non è preparato per un aumento significativo del tasso di infezione Nuova infezione da Covid-19 Dopo la riapertura, il primo ministro del Victoria Daniel Andrews era ottimista.
Andrews ha detto lunedì che il numero dei casi è in aumento “meno importante” A causa degli alti tassi di vaccinazione nella comunità, ha riconosciuto che il passaggio alla convivenza con il Covid sarebbe “estremamente difficile”.

“Quando si hanno centinaia, forse migliaia di pazienti che hanno bisogno di cure… si mette molta pressione sul nostro sistema”, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *