Come è avanzata Stella Jean – WWD

La designer italiana Stella Jean, che è stata in prima linea nella conversazione Black Lives Matter nel suo paese natale mentre si occupa dell’industria della moda, dice che sta iniziando a vedere i primi segni di cambiamento.

Parlando in un’intervista virtuale con la direttrice del Museo FIT Valerie Steele, Jean ha ricordato la storia personale che lo ha portato a questo momento e le difficoltà che ha incontrato nel difendere le persone di colore in un paese: “Solo i bianchi sono contrari ad ammettere che l’Italia non lo fa esistere. “

Jean, che è di origine haitiana accanto a sua madre, è cresciuta in una casa che ha cercato di insegnarle la storia dei suoi antenati. Sua madre conserva i libri di storia inviati da Haiti in modo che i suoi figli possano sapere quella che secondo lui era la rappresentazione più accurata della storia del paese.

“Mia madre è una donna haitiana orgogliosa e orgogliosa. Chiedo: “Se quello che dici della tua terra è vero, perché non è nei miei libri di storia francesi o italiani?” La sua risposta è stata un’importante lezione di vita: “Non chiedere al leone la storia di come il topo è scappato”. “

Ci siamo abituati alla storia scritta esclusivamente dal vincitore, ed è fondamentale recuperare certe pagine per ascoltare le voci di chi è stato umile per tanto tempo, e riscrivere quelle pagine con l’obiettività necessaria per girare ciò che era una volta uno strumento di propaganda nell’educazione “, ha detto Jean.

In Italia, il movimento Black Lives Matter ha giocato in modo diverso rispetto agli Stati Uniti

READ  Arnaud Mimran accusato di omicidio: Lo sappiamo

“È così diverso in Italia, dove il multiculturalismo e l’etnia sono così attraenti quando si tratta di ispirazione colorata”, ha detto Jean dalla sua casa in Italia. “Lo stesso entusiasmo è significativamente ridotto per i neri al di là della visione del multiculturalismo”.

“Quando hai il coraggio di dare una voce, coincide con il momento in cui le persone si rendono conto che la tua identità ti fa andare felicemente oltre l’essere tropicale e il tuo essere nero. Sono molto stanco di affrontare questo problema ora in Italia. Le cose sono cambiate da settembre . La moda italiana è un nuovo connubio di comunità. Bisogna capire cosa sia la rappresentazione, ma essere in copertina, in pubblicità e in passerella sulla stampa non corrisponde alla presenza di una vera minoranza nera nella forza lavoro italiana locale Siamo completamente ridotti a ruoli decisionali, ai neri italiani non è consentito l’accesso, anzi, le immagini del nostro corpo sono molto richieste e ampiamente sfruttate a fini pubblicitari ”.

Ma per Jean, l’ovvia verità è che questi film “non sono in alcun modo compatibili” con le attività di queste società. Dire la verità ovvia non è sempre il benvenuto. Jean ha detto di essere stata minacciata e impegnata a denunciare quella che considera una profonda ipocrisia nell’industria della moda italiana. Ha chiamato questo “insabbiamento del colonialismo aziendale”.

“È chiaro che ogni azienda di moda corre per riempire i propri annunci con modelli neri, mentre le principali riviste di moda fanno elenchi di talenti neri e per lo più stilisti non italiani”, ha detto Jean. “Nessuno può rivelare la sconvolgente verità nazionale sull’intera generazione invisibile di neri italiani perché considerati non abbastanza attraenti dai media perché appartengono a un gruppo minoritario che non è accettato come parte reale del nostro Paese”.

READ  Perché Fast & Furious 11 sarà l'ultimo film della serie?

Negli ultimi mesi, Jean Camera ha lavorato a stretto contatto con il Nacionale della Mota Italiana – da cui si è resa conto che la risposta iniziale alla sua causa non era dura – per fondare un Black Lives Matter sul Collettivo di Moda Italiano, nonché per valorizzare il diversità dell’industria italiana degli accessori di moda e per evitare l’esclusione culturale.

Un database di centri di produzione tessile e artigianale in Africa sarà presto disponibile per le aziende con cui interagire quando la collezione di arti africane verrà utilizzata come ispirazione. Verrà creato un nuovo portale per elencare la loro esperienza nell’assunzione di professionisti della moda italiana nera.

“Stanno tutti cercando di partecipare [in] Formazione sulla sensibilità razziale, ma penso che dovrebbero risparmiare quei soldi e investire nella nuova generazione di designer e professionisti della moda di diversa estrazione “, ha detto Jean.

In un momento di vero cambiamento, il progetto di Jean “We Made in Italy – Fab Five Bridge Builders” ha aiutato ad aprire la Milano Fashion Week, dove cinque talenti del design italiano di origine africana hanno presentato le loro collezioni sulla scena mondiale.

“Questa è una nuova era in Italia e sono determinato a oppormi all’idea sbagliata che tutti gli italiani siano bianchi”, ha detto Jean. “Facciamo parte della stessa cultura multiculturale che tutti gli italiani hanno creato a prescindere dal colore. Sta succedendo, mi spiace dirlo, ma non posso tornare indietro”.

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *