Come la bugia di un uomo d’affari per salvare la sua azienda ha reso il Kentucky Fried Chicken una tradizione natalizia ben consolidata in Giappone

Rivelato: come la bugia di un uomo d’affari per salvare la sua azienda ha reso il Kentucky Fried Chicken una tradizione natalizia ben consolidata in Giappone

  • Milioni di giapponesi mangeranno KFC questo Natale a causa di una bugia
  • Il manager di KFC in Giappone ha detto alla gente che il pollo era un’alternativa festiva al tacchino
  • Questa tradizione ha quasi mezzo secolo ma si basa su una bugia dell’uomo d’affari


La maggior parte delle persone si rivolgerà al tacchino durante la cena di Natale.

Tuttavia, una strana tradizione festiva ha preso piede in Giappone, ed era tutta basata su una bugia raccontata da un uomo d’affari per salvare la sua azienda.

Takeshi Okawara ha rilevato il primo franchise KFC in Giappone e ha detto alla gente che il pollo fritto era un’alternativa popolare al tacchino in Occidente.

Non era vero, ma il signor Okawara ha dato il via a una tradizione giapponese che si avvicina ai 50 anni.

Statua del colonnello americano Sanders che ha fondato il Kentucky Fried Chicken, vestito da Babbo Natale in Giappone

Milioni di giapponesi mangeranno Kentucky Fried Chicken questo Natale, tutto perché il top manager del franchise in Giappone ha detto alla gente che il pollo è un'alternativa occidentale al tacchino.

Milioni di giapponesi mangeranno Kentucky Fried Chicken questo Natale, tutto perché il top manager del franchise in Giappone ha detto alla gente che il pollo è un’alternativa occidentale al tacchino.

Più di tre milioni di famiglie giapponesi mangiano Kentucky Fried Chicken alla vigilia di Natale ogni anno dopo che la società americana di fast food ha lanciato “Kurisumasu ni wa Kentakkii!” (Kentucky per Natale!) campagna 1974.

READ  Sydney affronta il "periodo più spaventoso" della pandemia in mezzo all'epidemia del delta

I residenti del Giappone si recano al Kentucky Fried Chicken per una serie di secchi di pollo, hamburger e ali, molti dei quali sono inzuppati nel brodo festivo.

Il signor Okawara ha detto che la tradizione è iniziata quando si è vestito da Babbo Natale a una festa scolastica e ha servito il fast food ai bambini.

Takeshi Okawara ha mentito sulla prevalenza di mangiare pollo invece del tacchino a Natale, ma ha stabilito una tradizione festiva vecchia di quasi mezzo secolo con la sua bugia

Takeshi Okawara ha mentito sulla prevalenza di mangiare pollo invece del tacchino a Natale, ma ha stabilito una tradizione festiva vecchia di quasi mezzo secolo con la sua bugia

Gli amanti del fast food potrebbero non ottenere i pasti più salutari, poiché ogni articolo contiene un gran numero di calorie e un pasto costa circa £ 20.

Gli amanti del fast food potrebbero non ottenere i pasti più salutari, poiché ogni articolo contiene un gran numero di calorie e un pasto costa circa £ 20.

Tuttavia, a molti in Giappone non dispiace sfoggiare il loro pollo fritto durante le vacanze di Natale

Tuttavia, a molti in Giappone non dispiace sfoggiare il loro pollo fritto durante le vacanze di Natale

Tuttavia, il Kentucky Fried Chicken potrebbe non essere l’opzione più salutare per un pasto.

Ci sono 1.075 calorie in una porzione di KFC Gravy Burger Box, che consiste in un hamburger di petto di pollo con salsa, maionese e formaggio, condita con hashbrown a coppa che puoi riempire con sugo. Inoltre viene fornito con mini filetto, patatine e una bevanda.

Questo pasto è un’offerta a tempo limitato durante le vacanze.

“So che la gente non mangia il pollo”, ha detto il signor Okawara. interessato al commercio.

Era una bugia, e ancora me ne pento. Ma la gente lo adora.

Migliaia di persone si mettono in fila per il giorno di Natale, con ogni persona che spruzza l’equivalente di circa £ 20 per un pasto natalizio di pollo fritto del Kentucky.

READ  Il legislatore afferma che il Regno Unito dovrebbe preoccuparsi della raccolta di dati sui geni cinesi

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *