Daimler invia di nuovo migliaia di persone in affari a breve termine a causa della carenza di chip

Certe cose non si possono comprare con tutti i soldi del mondo. L’amore deve farne parte, ma vista l’attuale situazione di mercato, sembra che anche i microchip dei computer in macchina. In ogni caso, il Gruppo Daimler – nonostante abbia chiuso lo scorso anno con un utile di 4 miliardi di euro – ha deciso di sfruttare ancora una volta l’orario ridotto di molti dipendenti. C’è semplicemente una mancanza di ingredienti per completare molti composti.

I dipendenti delle fabbriche Mercedes di Rastatt e Brema sono stati colpiti, ha confermato martedì il gruppo. Daimler non ha fornito numeri specifici. La domanda di lavoro a breve termine viene inizialmente presentata entro la fine della settimana, ma non si estende a intere sedi. Tuttavia, a Brema è interessata una parte significativa del personale, a Rastatt si tratta di sottodistretti. Lo avevano già riferito lo Stuttgarter Zeitung e lo Stuttgarter-Nachrichten.

La carenza di chip che è durata mesi

Più di 12.000 persone lavorano nello stabilimento di Brema e circa 6.500 a Rastatt.Secondo Daimler, questa settimana verranno cancellati anche i turni nello stabilimento di Kecskemét, in Ungheria, dove lavorano circa 4.700 persone. Negli ultimi mesi, i dipendenti di questi tre e di altri siti Daimler sono stati temporaneamente impiegati ripetutamente per attività a breve termine.

La crisi dei chip ha colpito duramente altre case automobilistiche tedesche: a metà maggio si è saputo che la sussidiaria della Volkswagen Audi è stata costretta a limitare la produzione a Ingolstadt e Neckarsulm e a mandare più di diecimila dipendenti a lavorare per un breve periodo. Inizialmente, la misura dovrebbe essere in vigore solo fino alla fine di maggio, ma ora è stata prorogata fino a giugno, secondo i rapporti.

READ  Il primo Spotify e ora gli Svevi: fino a dodici giorni di attività mobile in Porsche

A causa della mancanza di chip semiconduttori, altre case automobilistiche come Ford, VW e persino Tesla hanno dovuto annullare i turni di lavoro e tagliare la produzione. Il produttore di chip Intel ha avvertito che i colli di bottiglia potrebbero persistere per diversi anni, anche perché gli investimenti non entreranno in vigore immediatamente.

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *