David Cho Young-ji, fondatore della Yeouido Great Church, muore all’età di 85 anni in Corea del Sud

Cho è stato ricoverato in ospedale dal collasso nel giugno 2020 ed è morto a Seoul dopo aver subito un’emorragia cerebrale. Aveva 85 anni.

Cho ha fondato la Yoido Full Gospel Church nel 1958, che è cresciuta fino a essere tra le più grandi chiese del mondo con più di 480.000 persone a settimana, secondo il Leadership Network, un’organizzazione internazionale di leader ecclesiali.

Yoido ha più di 500 sedi di chiese in tutta la Corea del Sud e ha inviato migliaia di missionari in diversi paesi nel corso degli anni, secondo un comunicato stampa della chiesa. La dichiarazione afferma che lo stesso Zhou ha partecipato a raduni e movimenti religiosi in 71 paesi.

Nato nel 1936, Cho ha vissuto durante la guerra di Corea, durante la quale ha lavorato come traduttore tra il preside della sua scuola e il comandante militare degli Stati Uniti, ha detto la chiesa in una nota.

Al secondo anno di liceo, gli fu diagnosticata la tubercolosi polmonare e gli fu detto che non sarebbe vissuto molto a lungo. Durante questo periodo si convertì al cristianesimo, decisione alla quale in seguito sarebbe stata attribuita la sua “miracolosa” guarigione, secondo la Chiesa.

La guarigione di Chu lo spinse a iscriversi al Full Gospel Theological Seminary e dopo la laurea fondò la Yeouido Church. La chiesa è iniziata quando solo cinque membri si sono riuniti sotto una tenda a Seoul, secondo il sito web della chiesa.

La Corea del Sud ha una delle culture cristiane più vivaci al mondo – in particolare il protestantesimo – dove la conversione ha guadagnato slancio tra la metà e la fine del ventesimo secolo.

READ  Matt Hancock, il ministro della salute britannico in difficoltà, si scusa dopo essere stato arrestato con un aiutante

Le sette minoritarie cristiane, così come le mega-chiese, sono fiorite negli anni successivi alla fine della guerra di Corea e Yeouido potrebbe essere diventato il rappresentante più famoso della Corea, con oltre 700.000 membri entro il 1993, secondo il comunicato stampa.

Questi numeri hanno continuato a crescere man mano che la chiesa diventava globale, espandendosi per includere un gigantesco santuario di montagna nella provincia di Gyeonggi in Corea del Sud e un’università cristiana fondata da Cho in California. La chiesa ha anche istituito un braccio internazionale, guidato da Chu, per connettersi con pastori e leader della chiesa di altri 25 paesi, secondo il suo sito web.

All’interno della Corea del Sud, Cho è diventata una figura estremamente influente. La dichiarazione della chiesa afferma che ha fondato un quotidiano cristiano, ha fondato una ONG umanitaria e ha scritto diversi libri.

Ma è stata spesso anche oggetto di polemiche e scandali. Nel 2014, è stato condannato per appropriazione indebita di 14 milioni di dollari in donazioni alla chiesa per acquistare azioni di proprietà di suo figlio, quattro volte il suo valore di mercato, secondo Reuters.

La moglie di Chu è morta nel febbraio di quest’anno. La coppia ha lasciato tre figli.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *