Dopo Spotify, Apple apre la direzione dello streaming in abbonamento a pagamento

Il gigante californiano Apple ha annunciato martedì che offrirà ai creatori di podcast un’opzione per offrire abbonamenti a pagamento, un punto di svolta 15 anni dopo il lancio della propria piattaforma di ascolto che ha notevolmente contribuito a rendere popolare il formato.

“Ora possono aiutare i loro animatori preferiti a costruire il loro modello di business e contribuire alla loro creatività”, ha affermato Tim Cook, CEO di Apple, durante un evento trasmesso in streaming online per presentare nuovi prodotti.

Gli spettacoli saranno ancora disponibili gratuitamente, ma gli autori degli spettacoli saranno in grado di offrire formati migliorati con vantaggi, come l’ascolto senza pubblicità, l’accesso a contenuti aggiuntivi o anche episodi o uscite esclusivi, una dichiarazione dettagliata dell’azienda.

Apple segue così il trend delle sponsorizzazioni o delle donazioni, che fornisce a molti podcast la possibilità di chiedere ai propri ascoltatori più fedeli di finanziare una parte della loro produzione, oltre alle pubblicità.

La nuova funzionalità sarà disponibile da maggio in più di 170 paesi. Ogni produttore di podcast potrà impostare il prezzo dell’abbonamento.

Il gigante dello streaming musicale Spotify ha già annunciato un’iniziativa simile a febbraio, interrompendo così il processo dominante, che si basa principalmente sugli annunci e sull’accesso gratuito completo.

Per Apple e Spotify, questa nuova funzionalità metterà in evidenza i siti di sponsorizzazione tecnologica come Patreon, leader di mercato, offrendo ai creatori di monetizzare i loro contenuti, dalla loro piattaforma, tramite annunci o abbonamenti a pagamento opzionali.

Questa iniziativa fa anche parte dell’attuale ricerca di modelli di business praticabili per i creatori di contenuti audio, la cui popolarità ha assunto una nuova dimensione durante la pandemia di coronavirus, ma che devono affrontare una concorrenza senza precedenti.

READ  Google sta uccidendo un'altra delle sue app, ma questa probabilmente vale la morte: BGR

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *