Dove Covax, il vasto programma globale di vaccini, è andato storto

Il Dr. Seth Berkeley, CEO di Gavi, un’organizzazione no profit nel cuore di Covax, ha affermato che l’insufficiente finanziamento anticipato ha reso inevitabile la carenza di forniture. Ha detto che quando sorgono problemi di distribuzione di questo tipo in Ciad e Benin, Kovacs cerca “di spostare quei vaccini in altri paesi, ma poi di lavorare con quei paesi per cercare di migliorare la capacità”.

I sostenitori ei critici concordano sul fatto che il programma deve migliorare rapidamente. All’inizio di luglio, documenti riservati di Covax indicavano che 22 paesi, alcuni con un alto tasso di mortalità, avevano riportato quasi o completamente fuori dosi dal programma.

“Il modo in cui Kovacs è stato confezionato ed etichettato, le nazioni africane pensavano che sarebbe stato il loro salvatore”, ha affermato la dott.ssa Catherine Kiyubtunji, che dirige il Centro per la popolazione africana e la ricerca sanitaria. “Quando non ha soddisfatto le aspettative, non c’era nient’altro”.

Nei frenetici primi mesi del 2020, gli esperti di salute hanno ideato una strategia Come vaccinare il mondo in modo equo. Covax è stata la risposta, riunendo due organizzazioni non profit finanziate da Gates, Gavi e la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, o CEPI. Organizzazione mondiale della Sanità; e l’UNICEF, che guiderà lo sforzo di consegna. Sperava di essere un importante acquirente globale di un vaccino, sia per le nazioni ricche che per quelle povere, dando la sua influenza sui produttori di vaccini contro il bullismo.

Ma se i paesi ricchi Donazioni annunciateNon erano partner vincolanti. Kate Elder, consulente senior per la politica sui vaccini per la campagna di MSF, ha affermato che la Gran Bretagna ha negoziato dando ai partecipanti più ricchi una scelta di vaccini da acquistare tramite Kovacs, causando ritardi.

READ  Una nave da carico, recentemente guidata da un israeliano, si scontra in alto mare

Soprattutto, paesi ricchi Sono diventati concorrenti nella corsa per comprare un vaccino, pagando i premi per proteggere i loro filmati privati ​​mentre lentamente si sottoponevano agli impegni finanziari di cui Covax aveva bisogno per firmare accordi.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *