Dubai crea la sua pioggia per battere il caldo di 120 gradi

Questo è un modo per sconfiggere il caldo!

Un video di questa settimana mostra i funzionari di Dubai che utilizzano i droni per aumentare artificialmente le precipitazioni mentre la città è alle prese con il caldo torrido.

Una tecnica di raccolta della pioggia, nota come “semina delle nuvole”, è stata utilizzata quando le temperature estive sono aumentate di oltre 120 gradi Fahrenheit nella città degli Emirati Arabi Uniti, Lo riportava il quotidiano Independent.

Gli esperti hanno affermato che la tecnologia mira a rendere la pioggia più efficiente all’interno delle nuvole e, così facendo, fa cadere più acqua.

I droni vengono utilizzati per rilasciare cariche elettriche nelle nuvole, facendole aggregare e causare più precipitazioni.

E i filmati, pubblicati dal National Center of Meteorology negli Emirati Arabi Uniti, domenica, hanno mostrato forti piogge che allagavano le strade oltre a lampi di fulmini.

Un drone con carica elettrica è stato testato nel Regno Unito
La tecnologia funziona facendo rilasciare ai droni cariche elettriche nelle nuvole.
Università di Bath
Pioggia negli Emirati Arabi Uniti che viene dal cloud seeding
Le precipitazioni sono diventate comuni nei paesi aridi come gli Emirati Arabi Uniti.
Centro Nazionale di Meteorologia

The Independent riferisce che le precipitazioni sono diventate comuni in paesi aridi come gli Emirati Arabi Uniti, che in genere ricevono solo quattro pollici di pioggia all’anno.

“La carenza globale di acqua sta peggiorando in molte parti del mondo, quindi la domanda di acqua dolce è in aumento”, ha affermato Linda Zhou, professore alla Khalifa University of Science and Technology negli Emirati Arabi Uniti.

“La semina delle nuvole potrebbe essere uno dei modi in cui può contribuire ad alleviare il problema dell’acqua”.

con filo

READ  Il Regno Unito accetta un accordo commerciale post-Brexit con l'Australia

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *