Electronic Arts conferma che il suo codice sorgente è stato rubato dopo l’hacking

Anche se tutti noi che andiamo online corriamo il rischio di diventare vittime criminali informaticiLe grandi aziende sono spesso al centro dell’attenzione per il valore delle loro informazioni. Di tanto in tanto apprendiamo che le reti di alcune importanti aziende Sono stati violentati E questa volta, Arti elettroniche confermato Il suo codice sorgente è stato rubato.

Gigante video gioco Arti elettroniche (lei) l’ho appena annunciato pirati Il codice sorgente e altri strumenti per alcuni dei suoi giochi sono stati rubati. Anche se hanno chiarito che è improbabile che lo sia attacco avere un effetto su Giocatorio i loro titoli o nelle loro operazioni commerciali.

EA ha ammesso l’intrusione dopo che Vice Media ha riferito che gli hacker avevano preso il codice utilizzato per i giochi; fra loro FIFA 21, E il motore Congelamento Che viene utilizzato in diversi giochi EA.

“Stiamo indagando su una recente intrusione nella nostra rete in cui c’era un numero limitato di fonti Giocattoli e strumenti correlati rubati”, ha detto un portavoce di EA. Ha anche notato che non è stato effettuato l’accesso ai dati dei giocatori e non c’è motivo di credere che rischi per la privacy dei giocatori.

La società ha affermato di lavorare “attivamente” con autorità ed esperti “come parte di un… investigazione criminale “.

Leggi anche: Questo è il trucco per inviare emoji giganti su WhatsApp

Come è stato scoperto l’attentato?

La ragione per cui attacco È che il vice sito lo ha menzionato? pirati Si sono vantati dell’attacco a forum Internet segreti e hanno affermato che uno dei loro post diceva “Hai pieni poteri per sfruttare tutti i servizi EA”.

Secondo il portale, criminali informatici Hanno affermato di aver rubato circa 780 gigabyte di dati.

Va notato che la società è una delle più grandi società di gioco al mondo. Serie importanti come Battlefield, Star Wars: Jedi Fallen Order, The Sims e Titanfall sono annoverate tra i titoli che sviluppa o pubblica, così come una vasta gamma di sport annuali.

Per quanto è noto, l’intrusione nella rete non ha nulla a che fare con un attacco prima ransomware o furto di informazioni. Sicuramente è successo anche di recente, secondo EA.

Sembra che l’intento degli hacker sia quello di vendere informazioni dal codice sorgente, ovvero la versione del programma che è generalmente più facile da leggere e comprendere rispetto alla versione finale nel prodotto finale, e può essere utilizzata per realizzare Ingegneria inversa in parti del prodotto.

Ad esempio, il motore Frostbite, che sostengono abbia il suo codice sorgente pirati, È un potente strumento per la creazione di giochi utilizzato in dozzine di giochi, da FIFA Alla serie Battlefield e a molti giochi recenti di EA Star Wars. Ecco perché può essere così prezioso per uno sviluppatore che vuole copiarlo, o per chi lo ha creato codici cheat per i giochi.

Infine, va detto che il settore dei videogiochi ha già subito grossi attacchi. Nel novembre dello scorso anno, Capcom, il creatore di Street Fighter e Resident Evil, è stato vittima di un attacco ransomware che potrebbe aver esposto le informazioni personali di un massimo di 350.000 persone. E a febbraio, lo sviluppatore di Cyberpunk CD Projekt Red ha subito un altro attacco ransomware che ha portato al furto e alla vendita all’asta del codice sorgente di vari giochi, nel qual caso gli hacker hanno affermato di aver venduto i dati per oltre 7 milioni di euro. .

READ  Si dice che Microsoft sia sul punto di acquistare il gigante della tecnologia vocale Nuance

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *