Facebook, Snap, Twitter e YouTube hanno perso 10 miliardi di dollari. di Apple

Apple ha introdotto nuove regole sulla privacy per i suoi smartphone nell’aprile di quest’anno. In breve, vengono a patti con il fatto che le app devono chiedere agli utenti (tramite un popup) il consenso per tracciare la loro attività a fini pubblicitari.

La mossa – come scrive il Financial Times – ha colpito duramente brand come Snap, Twitter, YouTube e Facebook. Se gli utenti selezionano No, Apple blocca l’identificatore univoco di quell’utente per gli inserzionisti (e lo strumento era necessario alle aziende per creare profili per le persone e indirizzarle con annunci personalizzati).

Secondo Lotame – azienda specializzata in dati pubblicitari, a cui fa riferimento il quotidiano – solo questi quattro colossi potrebbero perdere complessivamente il 12 per cento a seguito delle dimissioni di alcuni utenti dell’opzione di tracciamento. I suoi guadagni pubblicitari nel terzo e quarto trimestre. Ciò significa una perdita di circa 10 miliardi di dollari. Snap ha subito la perdita maggiore in termini percentuali.

In numeri assoluti, il cambiamento nella politica sulla privacy di Apple è stato il più impattante su Facebook. Non c’è da meravigliarsi se Mark Zuckerberg vede Tim Cook come uno dei suoi maggiori concorrenti. A marzo, Zuckerberg ha affermato che Apple potrebbe trovarsi in una posizione più forte dopo le modifiche alla politica sulla privacy.

READ  Il tradimento di BloodRayne: Fresh Bites angekündigt

You May Also Like

About the Author: Dario Calabresi

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *