Film horror trasmesso durante la sessione: i genitori di una studentessa traumatizzata chiedono 11.000 euro

Nell’aprile 2019, un insegnante di lingua francese ha trasmesso il film horror “The Ring” ai suoi alunni di quarta elementare. Uno degli studenti è rimasto traumatizzato ei suoi genitori chiedono ora un risarcimento di 11.342 euro.

Voleva portare i suoi studenti a studiare il genere fantasy mostrando loro The Ring, un remake di un film horror giapponese in cui una dannata videocassetta porta alla morte di chiunque l’abbia visto.

Tranne che in classe, uno studente del quarto anno ha avuto una brutta esperienza guardando questo film. Sconvolta dal trauma, soffre persino di tutti i sintomi del disturbo da stress post-traumatico secondo la testimonianza medica di May Thomas Benajis, l’avvocato dei genitori della ragazza.

attacco di panico

Infatti, dopo aver visto il film horror, la tredicenne non poteva guardare la TV da sola, aveva difficoltà a proseguire gli studi universitari e soffriva di attacchi di panico, Rapporti di Parigi.

Avvocato dei genitori Sinistri subiti 11.342 euro, e questa è la cifra che chiedono allo Stato, perché, secondo l’avvocato, la professoressa sapeva benissimo che si trattava di un film horror, e che questo film, se fosse stato vietato nelle sale sotto i 12 anni, non era consigliato per quelli sotto i 16 anni. Nell’ambito delle trasmissioni televisive.

Tutti questi elementi significano, secondo l’avvocato, che il destino della ragazza è “una responsabilità pienamente accertata della scuola” e una “colpa” dello Stato.

Da parte sua, il Relatore Generale ritiene che il lavoro di “preparazione” e l’obiettivo “educativo” siano stati rispettati. La decisione del tribunale è attesa entro due settimane.

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *