“Giocare in queste condizioni pazze”


D1A riprende i suoi diritti venerdì con un duello tra La Gantoise e Kortrijk alle 20:45. Questa ripresa è segnata dalla nuova ondata di coronavirus causata dalla variante Omicron. Pertanto, la Pro League ha adeguato il proprio protocollo, ma non ha ritenuto di dover posticipare la data di ripresa del torneo. Abbastanza per irritare Hein Vanhaezebrouck.

“La proposta di posticipare la competizione sarebbe stata la più saggia”, ha commentato giovedì l’allenatore del Gent in conferenza stampa. “Ma ci è stato detto che era per interesse personale. No, era nell’interesse pubblico. Nessuna variante è contagiosa come Omicron, ma la Pro League e gli organizzatori chiaramente non l’hanno capito”.

“Tutto questo per pochi centesimi…”

Vanheysbroek non ha escluso nessuno dal parlare di questo argomento, come ha criticato l’emittente televisiva Eleven. Ci è stato detto che è difficile se non impossibile riprogrammare queste partite posticipate. Secondo Eleven, queste partite dovrebbero essere riprese il martedì alle 14:00 ET. Poi dico: “Queste undici persone vivono su un altro pianeta?” Il Covid-19 è per tutti. Tutti devono adattarsi e rispettare le misure e le restrizioni. Ma per Undici, a quanto pare, non ci sono restrizioni “, ha fatto arrabbiare l’allenatore. “Gioca queste partite la sera, alla stessa ora. Che motivo ridicolo per dire che non ci può essere alcun ritardo. Tutto questo per pochi centesimi… Per me la salute è ciò che viene prima. “

Dopo aver affrontato la programmazione, Vanhaezebrouck ha attaccato il protocollo in essere per il resto della stagione e in particolare la procedura secondo cui una persona che è stata vaccinata tre volte non dovrebbe essere testata regolarmente. “Scusa, ma mia moglie, che ha preso la terza dose, è malata. È contagiosa e può quindi trasmettere malattie”, spiega il tecnico de La Gantois. “Contro il Kortrijk andranno persi due giocatori. Hanno preso il booster quindi non c’era bisogno di testarli, ma lo abbiamo fatto prima che cambiasse il protocollo. Ma secondo le nuove procedure possono quindi giocare perfettamente mentre sono contagiosi. Lì “Saranno situazioni in cui i giocatori contagiati saranno in campo. Non può essere questo il senso della Pro League, vero? Giocare in queste condizioni è pazzesco”.

READ  Robert Lewandowski ha inviato loro un messaggio. Ora si sputano sul mento l'uno dell'altro

You May Also Like

About the Author: Silvia Tocci

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *