Gli abitanti del villaggio Hawker Dining Hall trasforma il nuovo hotel Fitzroy nel primo ristorante italiano Capo Social

Gli abitanti del villaggio non hanno una mensa ambulante. Ispirata alla lingua del sud-est asiatico, la sala da pranzo ha cambiato lentamente per 72 ore l’aroma di limone e tamarindo della collaudata pizza. Al suo posto apre stasera un nuovo ristorante chiamato Capo Social.

Questa riqualificazione del primo piano su 127 Brunswick Street è il primo passo per la grande ridenominazione del più grande vecchio pub, che originariamente era conosciuto come Old Colonial Hotel, ma ora è conosciuto come Hotel Fitzroy. L’izakaya Ichi Ni Nana al piano terra si attaccherà al bar sul tetto esistente e al bar karaoke nel seminterrato, ma il mezzanino riaprirà entro la fine dell’anno come bar pubblico dell’Hotel Fitzroy.

Per i proprietari Paul Adamo e Vince Sofo, che lavorano insieme dal 1994, Capo Social è un passo successivo naturale.

“Questa è la nostra tradizione”, dice Sofo. “Noi siamo italiani. La gente ci ha visto divertirci un po ‘perché possediamo ristoranti giapponesi come Ichi Ni e Ichi Ichi Ku, quindi ora siamo a casa. È come tornare a casa in una casa. “

Nel 2018, un gruppo di 20 dipendenti ha accusato il gruppo Ichi di Adamo e Sofo di gestire l’Hotel Fitzroy. Commissioni basse. Ciò ha portato l’azienda a rimborsare 000 150.000. “[Those allegations] Risolto nel 2018 “, ha detto un portavoce del Gruppo Ichi. “Consideriamo chiusa la questione”.

In Capo Social, “La filosofia dell’intero menu [is] Sii leggero ”, dice Marricio Esposito, ex chef di Checoni e Il Pacaro. Lo stesso vale per l’atmosfera e l’arredamento. “Non si tratta dell’esperienza culinaria formale. Ho sempre avuto l’idea che cibo normale non significhi buon cibo. Significa che lo sai prima di infrangere le regole. “

READ  Amanda Pettit, Miss France 2021, è sacra? Rispondi questo lunedì!

Il suo lungo menu spazia dal salume al dessert, utilizzando quanti più ingredienti australiani possibile. Se lo desideri, è possibile una cena di cinque o sei portate. Esposito Collingwood ha un terreno nella fattoria dei bambini, da cui vengono estratti pomodori, zucchine, cetrioli e altre verdure di stagione. Il carpaccio di manzo ha un sacco di piccole realizzazioni personali come il “ketchup” di barbabietola e le ostriche rock di Sydney sulla granida Proscio-Mignonet.

Se vieni qui per la pasta classica e ben eseguita, c’è il ragù di popcorn fatto con stinco sottovuoto, vino rosso, vivaci esplosioni di pomodoro e limone. Oppure il taglio di pesce, l’irritazione dell’ortica selvatica, il peperoncino schiacciato, l’aglio e il nero di seppia essiccato (“Sulla strada per mangiare la pasta del sud Italia, [it’s] Formazione del povero ”, dice Esposito).

Protagonista della rassegna Cappo è l’impasto della pizza, che il pizzaiolo di Venezia Ivan Rizzo dimostra in 72 ore e viene cotto in un forno elettrico a due piani Moretti Forney. Usa la pasta italiana, un ingrediente che calcola che la versione australiana Esposito e la sua squadra non sono allo stesso livello.

“Facciamo l’impasto in modo che possa essere digerito”, dice Esposito, tornando a quel concetto delicato. “In Italia si mangia la pizza proprio come si mangia il panino o la torta in Australia: è un evento quotidiano. Non dovrebbe essere un’esperienza culinaria. Abbiamo scelto la sorgente molto lenta, che fornisce una migliore ventilazione, lo mantiene bello e luminoso e gli conferisce una bella consistenza. A volte puoi schiacciare due o tre pizze al giorno. “

Invece di mettere da parte l’impasto puoi aspettarti condimenti classici e semplici, come mozzarella di bufala e tulsi a base basata, o un tocco di Calabria, salame cassalinga leggero e ‘enduja. Rizo spara anche acido e foxoxia a casa.

READ  Il giorno in cui la musica morì... Famosos again a partida de Charlie Watts

Per coloro che sono un po ‘stanchi delle colazioni e degli spuntini in stereo, questo è il posto dove andare per le sezioni di salumi, grudo e antipasti del menu. Le budella più piccole come la prezola e il cappuccino derivano dai salumi di pobolo di Laverton, e ci sono importazioni come il prosciutto San Daniel. C’è una vasta selezione di cocktail originali e principalmente vini italiani, concentrandosi su varietà leggere e croccanti come pianoforte, vermintino e pinot chris.

Il design di Emma Tullog Architects è arioso e pulito. Il bar principale è fiancheggiato da alti divani semicircolari, adatti alla privacy del gruppo, e la sala da pranzo principale ha una cucina aperta. L’ex sala da ballo si affaccia su Brunswick Street, con i suoi soffitti originali e decorati alti 4,4 metri. C’è una sala da pranzo privata a 20 e un balcone con terrazza per quelle notti calde.

La fase successiva del roll-out dell’Hotel Fitzroy, il Mezzanine Public Bar, è prevista per la seconda metà del 2021. Il cibo è disponibile sia da Capo Social che da Ichi Ni Nana (nel menu breve). Ingresso diretto da Brunswick Street.

Leader della comunità

127 Brunswick Street, Fitzroy

Ore:

Dal lunedì al sole fino alle 17:00

capposociale.com.au

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *