Gli italiani proteggono Dante dal chiamare Shakespeare “anni luce” | Dante Aligeri

Dopo che un quotidiano tedesco sottovalutò la sua importanza per la lingua italiana e la chiamò “anni luce” da William Shakespeare, i leader politici e culturali italiani spuntarono in difesa del loro più stimato poeta, Dante Aligeri.

Arno Whitman in un sondaggio a Francoforte Rundshaw Ha scritto Sebbene Dante “portò la lingua nazionale a grandi altezze”, gli scolari italiani trovarono difficile capire il verso più antico del suo umorismo divino, scritto nel 1320.

Diviso in tre parti, il poema epico, che ripercorre il viaggio di un viaggiatore attraverso l’inferno, la purificazione e il paradiso, è scritto in dialetto toscano del Nord, rendendolo accessibile al popolo anziché al latino. Il dialetto toscano ha avuto un grande impatto sugli scrittori di sua scelta nel momento in cui era alla base dell’italiano moderno, quindi perché il poeta è chiamato il “padre della lingua italiana”.

Come autore di canzoni, Dante ha notato problemi medievali francesi, musicisti-poeti che scrivevano versi sull’amore. “Una differenza importante passa inosservata”, ha scritto Whitman. “I guai erano cantanti pop, di cui solo i capolavori hanno i testi; Dante dovrebbe ottenere lo stesso effetto – senza la musica. Si è sempre sentito competitivo”.

Ma paragonare Dante a Shakespeare è una pessima valutazione. Whitman ha scritto: “Shakespeare, nella sua morale, è più moderno del tentativo di Dante di avere un’opinione su tutto. Ha trascinato tutto prima del giudizio della propria moralità”.

Whitman ha scritto il suo saggio in coincidenza con gli italiani che celebrano il Tonde Day il 25 marzo, che è stato scelto per la prima parte del Divine Humor perché è la data che la maggior parte degli studiosi ritiene abbia portato la sua dignità immaginaria all’inferno. Gli eventi si svolgono in tutta Italia quest’anno per celebrare il 700 ° anniversario della morte del poeta.

La reazione più forte al pezzo di Whitman è venuta dallo storico dell’arte tedesco e direttore della Florence Office Gallery, Eich Schmidt, che ha descritto il giornalista come “ignorante” in un’intervista radiofonica.

“Whitman pensa che l’importanza di Dante per la lingua italiana non sia così grande perché i bambini a scuola hanno difficoltà a capire i suoi testi”, ha detto Schmidt. “Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione. Con l’eccezione di poche parole e di alcuni concetti teologici, a differenza di quanto accadde con l’inglese o il tedesco nel XIV secolo, la lingua di Dante è ancora pienamente compresa oggi. “

Il ministro della Cultura italiano Tario Francescini ha twittato una citazione di Donte Inferno: “Non parlarne, ma passa (Inf. III, 51)“(” Possiamo guardarli senza pensarci “).

Luca Cerianni, linguista italiano e vicepresidente della Società Donte Aligeri, ha dichiarato all’agenzia di stampa Atnkronos che l’articolo aveva un “atteggiamento infantile”.

Donte nacque a Firenze nel 1265 e morì nel 1321 a Ravenna. Papa Francesco e il presidente italiano Sergio Materella hanno entrambi reso omaggio al poeta la scorsa settimana in occasione del Donte Day. Dante è stato un “profeta di fede e un testimone della volontà umana di felicità”, soprattutto come ha scritto il Papa, “in questo momento della storia”.

Matterella Courier racconta a Della Cera: “L’umorismo divino ancora oggi ci attrae, ci affascina, ci stupisce perché parla di noi, dell’essenza profonda dell’uomo, fatta di debolezze, fallimenti, nobiltà e generosità”.

READ  La Juventus proverà a ingaggiare nuovamente l'attaccante italiano la prossima estate - Juvef.com

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *