Hanno scoperto un pianeta 10 volte più grande di Giove nell’orbita di due stelle molto calde

Scritto da Tim Fitzsimmons – Notizie NBC

Gli scienziati hanno scoperto un pianeta gigante in orbita attorno a una coppia di stelle massicce super calde, un ambiente che fino ad ora era ritenuto inadatto alla formazione di pianeti.

Un articolo di ricerca pubblicato mercoledì in Rivista scientifica sulla natura Afferma che la scoperta del pianeta, chiamato “b Centauri (AB) b” o “b Centauri b”, confuta la credenza prevalente tra gli astronomi.

[La búsqueda de vida extraterrestre pone el foco en nuestro vecino galáctico más cercano]

“Finora, nessun pianeta è stato visto attorno a una stella tre volte la massa del Sole”, ha scritto l’Osservatorio europeo meridionale, che ha fotografato il pianeta dal suo enorme telescopio nel deserto cileno.

Il leader dello studio Markus Jansson, professore di astronomia all’Università di Stoccolma, ha affermato che lo studio “cambia completamente l’immagine delle stelle massicce come pianeti ospiti”.

La stella doppia “tipo B”, situata al centro del sistema solare nella costellazione del Centauro, è molto massiccia e calda. L’Osservatorio europeo meridionale ha spiegato che emette grandi quantità di raggi X ultravioletti e ad alta energia, che hanno un “forte effetto sul gas circostante che dovrebbe agire contro la formazione planetaria”.

“Le stelle di tipo B sono generalmente considerate ambienti molto distruttivi e pericolosi, quindi si pensava che sarebbe stato molto difficile formare grandi pianeti intorno a loro”, ha aggiunto Janson in un comunicato stampa.

La scoperta è stata descritta a luglio e pubblicata ufficialmente mercoledì sulla rivista Nature. “I risultati mostrano che i pianeti possono risiedere in sistemi stellari più massicci di quanto ci si aspetterebbe estrapolando dai risultati precedenti”, hanno affermato i ricercatori.

READ  La beta Cross-Play di Overwatch è ora disponibile su PC e console

[Un exastronauta de la NASA critica el turismo espacial tras el ‘viaje a las estrellas’ del capitán Kirk]

Il b Centauri (AB) b appena scoperto è un esopianeta, un pianeta al di fuori del nostro sistema solare e “dieci volte più grande di Giove, il che lo rende uno dei pianeti più massicci mai trovati”, ha scritto l’osservatorio.

Questo è un “mondo alieno in un ambiente molto diverso da quello che sperimentiamo sulla Terra e nel nostro sistema solare”, ha detto in un comunicato stampa il co-autore Gayathri Viswanath, uno studente di dottorato all’Università di Stoccolma.

“È un ambiente aspro, dominato da radiazioni intense, dove tutto è su scala gigantesca: le stelle sono più grandi, il pianeta è più grande, le distanze sono maggiori”, ha spiegato Viswanath.

Il Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale ha registrato l’immagine di un pianeta attorno al sistema stellare b Centauri.Osservatorio Europeo Meridionale

L’osservatorio ha scritto che l’orbita del pianeta è “una delle più ampie mai scoperte”, 100 volte maggiore della distanza tra Giove e il Sole. “Questa grande distanza dalla coppia centrale di stelle potrebbe essere la chiave per la sopravvivenza del pianeta”, ha detto.

[¿Cómo acabará nuestro sistema solar? Un planeta lejano ofrece pistas]

Sebbene l’immagine rilasciata questo mese sia la prima sul pianeta da quando è stata identificata, b Centauri (AB) b è stato ripreso ma non riconosciuto nelle precedenti acquisizioni del telescopio, hanno affermato i ricercatori.

Questa scoperta ha spinto lui e i suoi colleghi ad ampliare uno studio chiamato BEAST, che esamina 85 stelle simili, ha detto Janson in una e-mail.

READ  Offerte giornaliere del Black Friday: monitor da gioco Samsung Odyssey G9 da 49 pollici, laptop da gioco OLED Razer Blade 4K, 33% di sconto su PS Plus e altro ancora

“Cercheremo di acquistare più tempo per il telescopio per un’indagine estesa e anche di scansionare tutte le bobine del telescopio per ogni singola stella di grande massa che potrebbe essere stata osservata in passato”, ha scritto Janson.

[Rusia compite con la NASA y con Tom Cruise por rodar la primera película en el espacio. Y ya eligió a su actriz]

“Penso che ci sarà più intensità nella ricerca di stelle di grande massa, sia ai fini della scoperta del pianeta che per la caratterizzazione, per scoprire in cosa consistono e maggiori dettagli su come si sono formate”, ha scritto.

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *