Huawei: diversificazione per la sopravvivenza

Di fronte al crollo delle vendite dei suoi smartphone, il gruppo cinese Huawei non ha altra scelta che diversificare le proprie attività.

anno difficile

Essendo stata messa in una posizione delicata dall’amministrazione Trump, che l’ha inserita in una lista nera negli Stati Uniti, Huawei sta ora cercando di correggere la rotta. Tuttavia, il colosso cinese delle telecomunicazioni è rimasto abbastanza scioccato, almeno nei primi giorni. Tra aprile e maggio 2020, Huawei è riuscita a mantenere la sua posizione di leader nel mercato. Il divieto degli ingredienti “Made in America” ​​ha avuto scarso impatto sulle attività del gruppo durante i primi mesi. D’altra parte, perché Huawei ha un ampio stock di componenti per i suoi smartphone. D’altra parte, perché ha già creato i suoi maghi. Per contro, il divieto di integrare i servizi web di Google (Google Maps, Gmail e Play Store in particolare) ha avuto un impatto maggiore sull’attività locale del gruppo in Europa, con una graduale diminuzione delle vendite nel corso dell’anno. .

Le brutte notizie sono seguite molto rapidamente. Honor, la sua controllata, ha registrato un calo significativo delle vendite. Huawei ha preso la decisione di vendere la sua controllata alla fine del 2020 a un conglomerato cinese, per evitare che ciò influisse troppo sulle sue attività. Il gruppo cinese aveva anche sperato che passare il testimone a Joe Biden avrebbe allentato le sanzioni, un errore di calcolo dal momento che Biden ha mantenuto Huawei nella lista nera. Le vendite della casa automobilistica sono diminuite. Nell’aprile 2021, Huawei era già uscita dalla top 5 dei maggiori fornitori di smartphone. Anche il produttore cinese, che da diversi anni sta sviluppando il proprio sistema operativo per sostituire Android, ha dovuto rimandare i suoi piani all’estate del 2021. E i prossimi mesi non sembrano molto migliori.

READ  Overwatch 2: la versione per Nintendo Switch dovrà 'fare alcune concessioni'

Tuttavia, il gruppo vanta ancora una solida base di clienti in Europa: 16 milioni secondo gli ultimi dati. Huawei ha anche investito molto in App Gallery, il proprio app store, che ha sostituito il Play Store sui suoi nuovi smartphone. Siamo stati in grado di spostare il 92% delle nostre app più utilizzate nella Galleria appSpiega Tian Wenhao, presidente di Huawei Western Europe.

strategia di diversificazione

Se riuscirà a mettere da parte la crescita nel 2021, Huawei intende limitare i danni diversificando le proprie attività. Il gruppo cinese offre una gamma completa di prodotti, che vanno dai tablet ai laptop, orologi connessi, cuffie e auricolari. Anche HarmonyOS è stato sviluppato per questo scopo. “Questo è uno dei principali vantaggi che abbiamo rispetto alla concorrenza”. Tian Wenhao conferma. HarmonyOS è un sistema operativo molto leggero e, secondo il produttore, è stato ottimizzato al massimo. “Non si preoccupa dell’invecchiamento”. Come Android. L’hardware HarmonyOS rimane liquido un anno dopo l’acquisto come il primo giorno. Il sistema operativo è inoltre pensato per offrire interazioni più approfondite con i computer del brand e tutti gli oggetti collegati.

Il mercato dei wearable sta crescendo molto velocemente. Tre anni fa, meno del 10% dei possessori di smartphone utilizzava uno smartwatch. Oggi siamo circa al 30%“Assicura il presidente di Huawei Western Europe. “E vedremo rapidi progressi. Nel prossimo futuro, si prevede che oltre il 50% dei consumatori utilizzerà orologi intelligenti”. E in questo mercato, il gigante cinese si posiziona come uno dei leader con i suoi orologi connessi eleganti e accessibili.

READ  Battlefield 2042 si comporta meglio su Xbox che su PC, i test su PS5 sono stati cancellati

Il gruppo cinese sta scommettendo più che mai anche sui suoi laptop, che stanno vendendo sempre meglio in Occidente, e sul suo catalogo di cose connesse: cuffie, cuffie e persino occhiali connessi. Con un intero ecosistema, Huawei ha il potenziale per diventare un vero concorrente di Apple, che sta lavorando esattamente con la stessa strategia. HarmonyOS avrà la possibilità di effettuare più interazioni. “Non c’è stata innovazione in questo mercato per molto tempo”. Tian Wenhao conferma. E se oggi la situazione è critica, Huawei intende dedicare il suo tempo alla ricostruzione del suo impero. Tuttavia, la posta in gioco è ancora alta, perché se Huawei riuscirà ad affermarsi nel mercato degli orologi connessi investendo troppo presto in questo settore, il suo arrivo tardivo nel mercato dei laptop e dell’audio andrà a sfavore. Il marchio ha registrato un aumento molto netto delle sue vendite in questi due mercati, ma è anche partito da zero.

You May Also Like

About the Author: Dario Calabresi

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *