I New York Yankees esonerano Zach Britton dal manager Aaron Boone

CHICAGO — Il lealista dei New York Yankees Zach Britton ha detto al manager Aaron Boone di rimuoverlo dalla sua posizione attuale mentre la squadra si avvicina dopo l’ultimo salvataggio della stagione. Britton ha parlato con Boone sulla scia di un tiro avanti e indietro del cortometraggio dei White Sox All-Star Tim Anderson di Chicago 9-8 sugli Yankees nella partita “Field of Dreams” di giovedì in Iowa.

“Gli ho detto che non meritavo di essere lì nel nono inning; gli altri ragazzi lo meritavano”, ha detto Britton prima di Gara 2 della serie Yankees-White Sox al Guaranteed Rate Field. “Non ho pensato a come dovrei essere quando la squadra ha bisogno di vincere. Ho detto [Boone] Voglio giocare, ogni volta che avrai bisogno di me sarò pronto, ma non merito di esserci in queste situazioni”.

Dopo che la squadra si è avvicinata e ha preso il comando del nono inning con Aroldis Chapman nella lista degli infortunati per l’infiammazione del gomito sinistro, Britton ha avuto quattro possibilità per salvare e un solo turno. Britton ha un’ERA di 8.10 in quelle 4 apparizioni e rinuncia a 3 punti guadagnati su 3 punti.

Il mancino ha sottoperformato in 11 salvataggi in questa stagione, raccogliendo 7,45 ERA (8 ER/9⅔ IP). E i numeri bretoni non sono significativamente superiori nei casi di non conservazione, con 4,50 ERA (3 ER/6 IP) in tali manifestazioni.

“Fisicamente [I am] Non dove sarei normalmente a questo punto della stagione. Ma devo trovare una via d’uscita da dove sono fisicamente ora perché è proprio dove sono”, ha detto Britton. “Voglio solo sapere come posso tornare al livello più alto in futuro dalla promozione in cui voglio essere”.

READ  Ottavi di finale per Djokovic e Zverev a Monte Carlo

Britton aveva a che fare con problemi di guida, che ha collegato all’interruzione della sua routine a causa della mancanza di allenamento primaverile per sottoporsi a un intervento chirurgico al gomito sinistro. Il 33enne deve ancora riprendersi completamente dalla significativa perdita di peso dopo aver contratto il COVID-19 in bassa stagione. Ma per quanto riguarda il COVID-19 e la chirurgia come alcuni dei fattori che influenzano quella prestazione, Britton li ha definiti “una scusa per trattenermi”.

“Devo trovare un modo per esprimere dove sono”, ha detto. “Devi uscire, non importa come ti senti, la velocità diminuisce”. “Ho avuto abbastanza tempo per sapere che non sempre si tratta delle cose migliori, della velocità massima, per uscire. Riguarda l’esecuzione dei tiri. E non sto facendo un buon lavoro in questo momento. E io sono in grado di farlo».

Boone ha detto che probabilmente farà affidamento sugli annunciatori Jonathan Loaziga e Chad Green come opzioni principali per chiudere le partite fino al ritorno di Chapman.

“Dipenderà da ogni notte”, ha detto Boone del ruolo più vicino degli Yankees, che ha descritto come la situazione “flessibile”. “Ma continueremo a provare a prendere Brit [Britton] In più situazioni in cui riteniamo che possa avere davvero successo. Giocherà un ruolo enorme per noi qui, e dobbiamo riportarlo a quel punto lungo la strada”.

Boone ha anche annunciato che il rookie infortunato Luis Severino, che non ha giocato durante il suo primo viaggio di riabilitazione in Triple-A giovedì sera a causa di una spalla stretta, sarà sottoposto a un’ulteriore valutazione lunedì, quando sarà sottoposto a una risonanza magnetica.

“[Director of pitching] Sam Brende ha notato che stava cercando di rilassarsi nel suo gioco di caccia, mentre si preparava a salire sulla collina, “ha detto che Boone di Severino non ha preso la collina all’inizio della riabilitazione Sheranton/Wilkes-Brie”. Sam gli ha detto qualcosa, e la mia spada non l’ha davvero combattuto; Semplicemente non si sentiva bene. Alla fine, gli hanno staccato la spina per iniziare, forse con saggezza”.

READ  L'amara bancarotta di Wimbledon: doveva essere per Federer?

Boone ha ammesso che la situazione era “estremamente preoccupante”, ma ha rifiutato di speculare su eventuali contrattempi nell’eventuale ritorno di Severino dall’intervento chirurgico di Tommy John, che avrebbe dovuto essere imminente.

“È molto preoccupante, quando è vicino a tornare con noi, e tutto è andato molto bene. È sufficiente che non inizi, ovviamente preoccupato”, ha aggiunto Boone. “Ma allo stesso tempo, non voglio speculare più che vedere il dottore e ottenere le immagini e ottenere tutte le informazioni. Speriamo di avere un quadro più chiaro lunedì”.

You May Also Like

About the Author: Silvia Tocci

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *