I più grandi incendi del mondo potrebbero raggiungere Mosca grazie a Vladimir Putin

NSOSCOW—Russia Sta bruciando.

particella incendi boschivi Spazza via interi villaggi siberiani, uccide persone, emette fumo pericoloso e distrugge foreste e parchi nazionali su oltre 5 milioni di ettari.

Gli incendi sono iniziati a maggio in Yakutiae Ora è più grande di tutti gli incendi in tutto il pianeta messi insieme, secondo Greenpeace. Non c’è ancora un bilancio ufficiale delle vittime, ma finora almeno cinque persone sono morte.

per mesi, autorità russe Dicevano che la situazione era sotto controllo. Infine, giovedì, il ministro delle situazioni di emergenza, Evgenij Zenichev, si è recato al centro disastri in Yakutia e ha concluso: gli incendi arriveranno MoscaSe nessuno la ferma.

Ci sono più di 3.000 miglia tra Mosca e Yakutia, una repubblica quattro volte più grande della Francia situata nel nord-est della Siberia. È uno dei luoghi più freddi del pianeta in inverno. Ma quest’estate è stata straordinariamente calda, con siccità senza precedenti e forti venti che hanno alimentato il disastro.

Mercoledì, un autista di un trattore locale è stato ucciso nell’incendio della Yakutia che brucia da settimane. Molti locali incolpano il Cremlino di non fare abbastanza per aiutare il Nord in fiamme. “La Russia è una potenza formidabile. Ogni anno mostra la sua potenza militare ma non può spegnere gli incendi. O non vuole?” libri In un post di giovedì su Instagram.

Quando ho iniziato Avksentieva postare foto Dagli incendi dell’8 giugno, era convinta che le Forze Speciali del Ministero delle Emergenze, note come MCHS, si sarebbero occupate del problema. Ma entro il 1 agosto, le case stavano ancora bruciando e gli animali stavano ancora morendo quando 163 incendi sono scoppiati in tutta la repubblica.

READ  I ministri prenderanno la decisione di allentare il blocco dell'Inghilterra il 14 giugno

“Sembra che le autorità stiano semplicemente aspettando le piogge di agosto per spegnere gli incendi. MCHS, sei vivo?”, ha scritto su Instagram. “Non tutte le nostre richieste di dichiarare lo stato di emergenza hanno avuto risposta”.

Nel frattempo, Mosca si è concentrata sulle imminenti elezioni parlamentari e sulla persecuzione dell’opposizione. La Yakutia ha dovuto combattere gli incendi utilizzando solo il proprio budget nazionale. “Questa è una lezione per tutte le altre regioni russe: non aspettare l’aiuto del centro, affidati solo a te stesso”,

Il leader della squadra antincendio russa di Greenpeace, Grigory Koksin, afferma che il governo è responsabile della mancanza di fondi per gestire il disastro.

“La Russia spende circa 30 miliardi di rubli per la prevenzione degli incendi e la formazione delle squadre regionali antincendio, ma il budget dovrebbe essere almeno tre volte più grande”, ha detto Coxin a The Daily Beast giovedì.

Ha aggiunto: “I vigili del fuoco professionisti non possono apparire dal nulla, avrebbero dovuto essere addestrati. Il numero di vite perse a causa di questi incendi raggiungerà le migliaia, perché molte città ora soffrono di fumo”.

Ogni giorno, Polina Pavlova, una volontaria della regione colpita di Berdijstiakh, pubblica numeri di telefono di emergenza, chiama volontari e pubblica foto del suo fumoso villaggio, che riceveva centinaia di sfollati. Le autorità locali stanno fornendo aiuto a donne incinte, bambini piccoli e altre persone le cui case sono state bruciate dal fuoco. “C’è molto fumo e non possiamo vedere il sole”, dice Pavlova Stendere mercoledì su Facebook.

All’inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato il dispiegamento di più aerei antincendio nelle regioni della Siberia, ma gli ambientalisti affermano che il governo è in ritardo.

READ  Aerei da trasporto C-130 della Royal Moroccan Air Force atterrano in Israele

Pagdan Bakaliko, giornalista di Rain TV che segue la crisi in Yakutia, ha dichiarato a The Daily Beast: “Attualmente, ci sono circa 5.000 persone che combattono contro gli incendi boschivi in ​​circa 1 milione di km di foreste in fiamme in Yakutia, almeno 3.000 di loro sono volontari locali. ”. “I vigili del fuoco ci dicono che tutto ciò che non bruciava prima sta bruciando ora”.

Il villaggio di Bias Kewell è stato completamente bruciato. L’incendio ha distrutto 31 abitazioni e almeno 400 persone sono state evacuate in rifugi temporanei. Le autorità hanno promesso di costruire nuove case per le vittime entro ottobre. Reporter da Notizie.Yukt.ru Confronta la scena nel villaggio distrutto con “la fine del mondo”. D’altra parte, il fumo ha raggiunto la capitale della Repubblica di Yakutsk. I monitor IQAir indicano che la concentrazione di inquinamento da fumo tossico nell’aria è 247 volte la norma raccomandata.

Molte altre regioni russe soffrono di incendi negli Urali, nell’Estremo Oriente e nelle parti centrali della Russia. All’inizio di questo mese, sono scoppiati incendi nel Parco Nazionale della Repubblica di Mordovia, a 352 miglia da Mosca. Questa settimana gli incendi hanno raggiunto il villaggio di Alamasovo nella regione di Nizhny Novgorod.

“Fino a poco tempo fa, il Cremlino non ha prestato molta attenzione agli incendi boschivi, ma ha tenuto conto dell’importanza dei cambiamenti climatici”, ha affermato Coxin. “Le autorità russe dovrebbero concentrarsi di più e spendere più budget per la prevenzione degli incendi, la formazione dei vigili del fuoco professionisti”.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *