I risultati delle elezioni tedesche indicano la politica di Messier e la leadership più debole dopo la Merkel

BERLINO – 16 anni dopo che Angela Merkel è diventata cancelliera, domenica i tedeschi hanno distribuito i loro voti in tutto lo spettro politico nelle elezioni per sostituirla, un ritorno in frantumi che fa presagire un’era politica caotica in Germania e una leadership tedesca più debole in Europa.

I primi risultati hanno dato scarsi progressi ai socialdemocratici di centrosinistra, ma erano così vicini che nessuno è ancora stato in grado di dire chi sarà il prossimo cancelliere né come sarà il prossimo governo.

Una cosa che è sembrata chiara è che ci vorranno settimane se non mesi di contrattazione per formare un’alleanza, lasciando la più grande democrazia europea sospesa in una sorta di limbo in un momento critico mentre il continente lotta ancora per riprendersi dalla pandemia e Francia – Germania partner nel cuore dell’Europa affronta le elezioni Dividendo la prossima primavera.

Le elezioni di domenica hanno segnato la fine di un’era per la Germania e l’Europa. Per più di un decennio, la Merkel non è stata solo il cancelliere della Germania, ma effettivamente il leader dell’Europa. Ha guidato il suo paese e il continente attraverso crisi successive e nel processo ha aiutato la Germania a diventare la prima potenza europea per la prima volta dalle due guerre mondiali.

Il suo tempo in carica è stato soprattutto stabile. Il suo partito di centrodestra, l’Unione Democratica Cristiana, ha governato la Germania per 52 dei 72 anni successivi alla guerra, e il partito è stato tradizionalmente più piccolo.

Ma la campagna si è rivelata la più volatile degli ultimi decenni. Armin LaschetIl candidato democristiano della Merkel è stato a lungo considerato il favorito fino a quando una serie di errori, aggravati dalla sua impopolarità, hanno eroso l’avanzata del suo partito. Olaf Schulz, il candidato socialdemocratico, è stato completamente squalificato prima che la sua personalità stabile portasse il suo partito a una straordinaria rimonta di 10 punti. e la verdura, che ha guidato i sondaggi per un breve periodo all’inizio, non è stato all’altezza delle aspettative ma ha ottenuto il suo miglior risultato di sempre.

Domenica, la quota di voti dei democristiani è crollata a meno del 30 per cento, andando verso la peggiore performance della loro storia. Per la prima volta, saranno necessarie tre parti per formare una coalizione – ed entrambe le parti principali stanno pianificando colloqui in competizione per farlo.

“È così senza precedenti che non è nemmeno chiaro chi sta parlando con chi durante la sua chiamata su cosa, perché la costituzione non contiene barriere di sicurezza per una situazione del genere”, ha affermato Thomas Klein-Brockhoff, vicepresidente dell’agenzia tedesca con sede a Berlino. Fondo Marshall. , gruppo di ricerca.

READ  Gli ambientalisti dicono che i laghi argentini stanno diventando rosa, ma le prospettive non sono così rosee

Anche prima dell’annuncio del primo ritorno ufficiale, sono state tracciate le linee di battaglia poiché entrambi i principali contendenti per la successione alla signora Merkel sono stati annunciati mentre il cancelliere ha annunciato le loro rivendicazioni al primo posto – e la loro intenzione di lottare per questo. Una lunga tradizione di politiche prudenziali basate sul consenso è rapidamente evaporata, lasciando il posto a un tono più vocale.

Al quartier generale del Partito socialdemocratico a Berlino, sono scoppiati acclamazioni fragorose quando sono stati annunciati i primi sondaggi di opinione. “Il ritorno della SPD!” “Il prossimo cancelliere è Olaf Schulz”, ha detto il segretario generale del partito Lars Klingbeil a una folla di membri del partito, prima che Schulz salisse sul podio con sua moglie e insistesse.

Dall’altra parte della città, al quartier generale dei conservatori, Laschet, la candidata del partito della Merkel, ha chiarito chi secondo lui dovrebbe essere il prossimo cancelliere, dicendo: “Faremo tutto il possibile per formare un governo”.

È un insieme caotico di circostanze che possono complicare i negoziati per formare un governo. Gli analisti hanno affermato che chiunque diventi cancelliere non solo avrà un mandato più debole, ma meno tempo da dedicare alla guida in Europa.

“La Germania sarà assente dall’Europa per un po’”, ha detto Andrea Rummelli, preside della Hertie School di Berlino. Chi diventa ministro rischia di essere più distratto dalla politica interna.

Con i due terzi dei collegi elettorali censiti, i socialdemocratici apparivano leggermente in vantaggio, con meno di due punti percentuali a dividere i due maggiori partiti. Gli analisti hanno affermato che il voto potrebbe continuare a oscillare marginalmente a favore di entrambe le parti. Quattro tedeschi su dieci hanno votato per corrispondenza, che sono stati conteggiati nello stesso momento in cui i voti nei sondaggi sono diminuiti.

Ma pochi si aspettavano una svolta drammatica che avrebbe prodotto un risultato meno oscuro e mitigato la necessità di lunghi colloqui di coalizione.

Il risultato dà una leva significativa ai due piccoli partiti che quasi sicuramente farebbero parte di qualsiasi nuovo governo: i Verdi ei liberaldemocratici pro-business. Sia il signor Schulze che il signor Lachet hanno risposto e hanno indicato che avrebbero parlato prima tra di loro.

“Forse due consiglieri e due creatori di re.” un indirizzo Dall’emittente pubblica tedesca ARD.

In un certo senso, il ritorno di domenica è stato un’espressione di quanto gli elettori fossero confusi per la partenza della signora Merkel, che ha lasciato il suo incarico di politico più popolare del suo paese.

READ  Non va esclusa un'opportunità di conflitto tra Cina e Taiwan - ministro della Difesa australiano

Il cancelliere ha supervisionato un decennio d’oro per la più grande economia europea, che si è espansa di oltre un quinto, portando la disoccupazione al livello più basso dagli anni ’80.

Distratta da molteplici guerre, la Gran Bretagna ha scommesso il suo futuro con un referendum per lasciare l’Unione Europea e la Francia non è riuscita a riformarsi, la Germania della Merkel era per lo più un rifugio di stabilità.

“E’ stata la mano ferma nella leadership, la presenza costante”, ha affermato Kleine-Brockhoff del German Marshall Fund.

“Ora c’è disagio per ciò che verrà dopo”, ha detto. “La presenza e la reputazione di questo consigliere sono enormi e difficili da imitare”.

Questo spiega perché entrambi i principali candidati a succederle hanno corso per lo più su piattaforme di continuità piuttosto che di cambiamento, cercando dove possibile di segnalare che sarebbero stati i più simili al cancelliere uscente.

“Questa campagna elettorale è stata fondamentalmente una competizione per chi potrebbe essere il più simile alla Merkel”, ha affermato Klein Brochoff.

Persino Schulz, il cui partito di centrosinistra è la tradizionale opposizione ai conservatori della Merkel, ha svolto il suo ruolo di ministro delle finanze nel governo uscente piuttosto che la sensibilità del suo partito, che è alla sua sinistra.

“La stabilità, non il cambiamento, era la sua promessa”, ha affermato Kleine-Brockhoff.

Le tradizioni politiche caratteristiche della Repubblica federale di Germania sono cambiate per consenso.

Nei quattro decenni che si separarono dal comunismo orientale, la Germania occidentale aveva governi potenti, tradizionalmente formati da uno dei due maggiori partiti che cooperavano con un partner più piccolo o, in rare circostanze, dai due maggiori partiti che formavano una grande coalizione. Questa tradizione è continuata dopo la riunificazione nel 1990, con cambiamenti di vasta portata, come le riforme del mercato del lavoro nei primi anni 2000, spesso attuate con il sostegno di tutto il corridoio.

Ma quattro partiti sono diventati sette ei due principali partiti tradizionali si sono ridotti, cambiando il modo in cui si è formato un governo con più del 50 per cento dei voti. Gli analisti dicono che in futuro, tre o quattro partiti, non due, dovranno trovare un terreno comune sufficiente per governare insieme.

Alcuni analisti affermano che questa crescente frammentazione della scena politica tedesca ha il potenziale per rivitalizzare la politica portando più voci nel dibattito pubblico. Ma indubbiamente renderà più difficile la governance, poiché la Germania è diventata più simile ad altri paesi in Europa – Spagna, Italia e Paesi Bassi tra loro – che hanno vissuto una frattura simile. E una politica più disordinata potrebbe indebolire il prossimo cancelliere.

READ  La Cina chiede di aderire all'accordo commerciale del Pacifico nel tentativo di aumentare l'influenza economica

La signora Merkel ha incarnato la tradizione del consenso più di tutti i suoi predecessori. Dei suoi quattro mandati, tre ha trascorso in un’importante alleanza con i tradizionali oppositori del suo partito, i socialdemocratici.

Governare come partner minori della Merkel ha quasi ucciso l’SPD, il partito più antico della Germania, spogliandolo della sua identità e presentandosi come la voce principale dell’opposizione di centro-sinistra. Ma il signor Schulz ha usato il suo rapporto intimo con il cancelliere a suo vantaggio, correndo effettivamente come titolare in una gara senza uno.

Nella sede del partito, domenica sera, è stato celebrato come un salvatore dai membri del partito che erano irremovibili sul fatto che la Cancelleria fosse loro.

Il membro di lunga data del partito Karsten Heide ha insistito sul fatto che “l’SPD è il vincitore qui”, mentre Ernst-Ingo Lind, che lavora con un membro del Parlamento, ha affermato che solo un anno fa “non si sarebbe mai sognato di essere qui”.

Tra i partiti rappresentati nel prossimo parlamento tedesco c’è l’Alternativa per la Germania, o AfD, che ha scioccato la nazione quattro anni fa diventando il primo partito di estrema destra a vincere seggi lì dalla seconda guerra mondiale. La sua quota di voti è scesa al 10,5 percento da circa il 13 percento nel 2017 e non sarà il principale partito di opposizione nel paese. Ma ha consolidato la sua posizione di forza permanente da non sottovalutare. In due paesi dell’ex Oriente comunista è arrivata prima.

“Siamo qui per restare, e lo abbiamo dimostrato oggi”, ha detto Tino Chrupala, co-leader del partito, ai membri del partito riuniti alla periferia di Berlino.

Nonostante tutto il caos di queste elezioni e la nostalgia della Merkel per il passato, molti tedeschi sono stati rincuorati dal fatto che più di otto elettori su dieci hanno votato per un partito di centro e l’affluenza alle urne è stata alta.

La mobilitazione è stata evidente al di fuori di molti seggi elettorali a Berlino, mentre le famiglie aspettavano pazientemente il loro turno in lunghe file.

“È l’inizio di una nuova era”, ha detto la signora Rumeli della Hertie School.

Christopher F Schweitz, Jack Ewing e Melissa Eddy hanno contribuito con i reportage da Berlino.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *