I semi germogliano da una pigna di 40 milioni di anni ricoperta di ambra

La ricerca dell’Oregon State University ha rivelato la prima prova fossile di una rara condizione vegetale nota come germinazione precoce in cui i semi germinano prima di lasciare i frutti.

In un articolo pubblicato su Biologia StoricaGeorge Poinar Jr. dell’Oregon State College of Science descrive un ananas di circa 40 milioni di anni, avvolto nell’ambra del Mar Baltico da cui emergono diversi steli embrionali.

“E’ fondamentale per lo sviluppo di tutte le piante, la germinazione dei semi di solito avviene nel terreno dopo che il seme è stato lasciato cadere”, ha detto Poinar, un esperto internazionale nell’uso di forme di vita vegetali e animali conservate nell’ambra per imparare la biologia e l’ecologia nel lontano passato. . “Tendiamo ad associare la vita (sviluppo embrionale mentre i genitori sono presenti) con gli animali e dimentichiamo che a volte accade nelle piante”.

Più tipicamente, questi eventi coinvolgono angiosperme, ha detto Poinar. Le angiosperme, che forniscono direttamente o indirettamente la maggior parte del cibo che le persone mangiano, hanno fiori e producono semi che sono racchiusi nel frutto.

“La germinazione dei semi nei frutti è molto comune nelle piante senza semi dormienti, come pomodori, peperoni e pompelmi, e si verifica per una serie di motivi”, ha affermato. “Ma è raro nelle gimnosperme”.

Le gimnosperme come le conifere producono semi “nudi” o aperti. Poinar ha affermato che la germinazione precoce negli ananas è così rara che solo un esempio naturale di questa condizione, dal 1965, è stato descritto nella letteratura scientifica.

“Questo è parte di ciò che rende questa scoperta così intrigante, anche se è il primo fossile della vitalità delle piante a includere la germinazione dei semi”, ha detto. “Trovo fantastico che i semi di questo piccolo ananas inizino a germogliare all’interno del cono e che i germogli possano crescere così a lungo prima che muoiano nella resina”.

Sulla punta delle gemme ci sono grappoli di aghi, alcuni in gruppi di cinque, che collegano il fossile a una specie di pino estinto, Pinus cembrifolia, precedentemente descritta dall’ambra baltica, ha detto Poinar.

Ha aggiunto che le pigne nell’ambra baltica non si trovano in abbondanza. Quelli mostrati sono molto apprezzati dai collezionisti e, poiché le squame coniche sono solide, di solito sono ben conservate e sembrano vere.

Poinar ha detto che la vitalità nelle piante si manifesta generalmente in due modi. La germinazione precoce è la più comune delle due, l’altra è la vita vegetativa, come avviene quando un trifoglio emerge direttamente dal capolino della pianta madre.

“Nel caso della vitalità dei semi in questo fossile, i semi hanno prodotto steli embrionali completamente visibili nell’ambra”, ha detto. “Non è chiaro se questi gambi, noti come ipocotili, siano comparsi prima che il cono fosse rivestito di colore ambrato. Tuttavia, in base alla sua posizione, sembra che parte, se non la maggior parte, della crescita si sia verificata dopo che l’ananas è caduto nella resina. “

“Spesso si verificano alcune attività dopo che le creature sono state sepolte nella resina, come gli insetti persistenti che depongono le uova”, ha detto Poinar. Inoltre, gli insetti parassiti a volte sfuggono al loro ospite nella resina dopo essere stati intrappolati. Nel caso dell’ananas, può proteggere l’epidermide che ricopre le parti esposte dei germogli dall’ingresso rapido dei fissativi naturali della resina”.

La ricerca sulla vitalità delle gimnosperme esistenti suggerisce che la condizione potrebbe essere correlata al gelo invernale. Poinar ha affermato che sarebbero state possibili gelate leggere se la foresta d’ambra nel Mar Baltico avesse avuto un ambiente temperato, caldo e umido, come previsto.

“Questo è il primo record fossile della vitalità dei semi nelle piante, ma questo caso potrebbe essersi verificato qualche tempo prima di questo record dell’Eocene”, ha detto. “Non c’è motivo per cui la vita vegetativa centinaia di milioni di anni fa non potesse essersi verificata in antiche piante portatrici di spore come felci e licopodi”.

Riferimento: “Early entanglement of a pineapple in the Eocene Baltic ambra” di George Poinar Jr., 8 novembre 2021, Biologia Storica.
DOI: 10.1080 / 08912963.2021.2001808

READ  Video: momento emozionante in cui i membri della prima missione SpaceX con un equipaggio civile hanno visto la Terra per la prima volta

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *