Il blocco dell’Africa occidentale sospende il Mali a causa del colpo di stato, ma non ci sono nuove sanzioni

Domenica, il blocco regionale dell’Africa occidentale (ECOWAS) ha sospeso l’adesione del Mali in risposta al colpo di stato della scorsa settimana e ha affermato che le autorità devono rispettare un calendario per il ritorno alla democrazia, ma si sono fermate prima di imporre nuove sanzioni.

I leader della Comunità economica di 15 nazioni degli Stati dell’Africa occidentale hanno tenuto un vertice di emergenza nella capitale del Ghana Accra per concordare una risposta alla cacciata dell’esercito maliano di un presidente e primo ministro per la seconda volta in nove mesi.

I vicini e le potenze internazionali del Mali temono che la recente rivolta possa mettere a repentaglio l’impegno a tenere le elezioni presidenziali a febbraio e minare la lotta regionale contro i militanti islamisti.

In una dichiarazione rilasciata dopo il vertice, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale ha affermato che l’adesione del Mali al blocco è stata sospesa con effetto immediato.

Ma non ha annunciato sanzioni come quelle imposte dopo il colpo di stato dello scorso agosto, che ha visto i membri chiudere temporaneamente il confine con il Mali senza sbocco sul mare e interrompere le transazioni finanziarie.

Inoltre non ha invitato il nuovo presidente ad interim, Asimi Guetta, a dimettersi. Venerdì il colonnello dell’esercito che ha guidato il colpo di stato di agosto e la rivolta della scorsa settimana è stato dichiarato presidente. Leggi di più

Il colonnello Asimi Guetta, il leader del consiglio militare in Mali, partecipa alla riunione consultiva della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) ad Accra, Ghana, il 15 settembre 2020. (Reuters) / Francis Cocoroco / File Photo

Invece, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale ha affermato che dovrebbe essere nominato un nuovo primo ministro civile e formato un nuovo governo inclusivo per far avanzare il programma di transizione.

“La data del 27 febbraio 2022, già annunciata per le elezioni presidenziali, deve essere mantenuta”, hanno detto in un comunicato i due leader.

READ  La Corea del Sud concederà uno status legale agli animali per affrontare abusi e abbandono

Nessuna risposta immediata da parte di Guetta, presente al vertice.

Guetta, il 38enne comandante delle forze speciali, è stato uno dei tanti colonnelli che l’anno scorso hanno estromesso il presidente Ibrahim Boubacar Keita.

Lunedì ha ordinato l’arresto del presidente ad interim Bah Ndaw e del primo ministro Mukhtar Awani. Entrambi si sono dimessi mercoledì mentre erano ancora in detenzione. Successivamente sono stati rilasciati.

L’ECOWAS e le potenze occidentali, tra cui Francia e Stati Uniti, temono che la crisi politica possa aggravare l’instabilità nel Mali settentrionale e centrale, che ospita gruppi regionali affiliati ad Al Qaeda e ISIS.

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *