Il CEO di Activision Blizzard lascia l’azienda dopo la controversia sul sessismo


Gigante dei videogiochi Activision Blizzard Martedì è stato annunciato un rimpasto amministrativo dopo le proteste dei dipendenti e una causa dello stato di California per presunte condizioni di lavoro tossiche e discriminazione nei confronti delle donne che l’azienda consente.

Capo dell’Unità Blizzard Entertainment, J. Allen BrakeLa società ha dichiarato in una dichiarazione che se ne sarebbe andata “per cercare nuove opportunità” e sarebbe stata sostituita da Jane O’Neill e Mike Ybarra, due dei veterani della società.

“Con i loro molti anni di esperienza nel settore e il loro profondo impegno per l’integrità e l’inclusione, sono fiducioso che Jen e Mike guideranno Blizzard con cura, compassione e dedizione all’eccellenza”, ha affermato il Chief Operating Officer, COO. Daniele Allegri.

La riorganizzazione è stata annunciata una settimana dopo le dimissioni dei lavoratori per protestare contro il sessismo e le molestie sessuali, ed è stata presentata una petizione online per boicottare i videogiochi di successo dell’azienda come “Call of Duty” e “Candy Crush”.

La società afferma di aver lanciato ciò che ha promesso sarà una revisione completa delle sue pratiche lavorative sulla scia della causa dello stato relativa a una diffusa discriminazione e molestie nei confronti delle dipendenti donne.

Le proteste si sono verificate tra le crescenti lamentele sul trattamento delle donne nel settore negli ultimi anni.

Activision ha ora affermato che esaminerà le condizioni di lavoro e la rappresentanza delle donne nei suoi giochi popolari.

La riorganizzazione di martedì si concentra su Blizzard, una delle tre unità operative dell’azienda californiana.

O’Neill e Ybarra La dichiarazione affermava che avrebbero co-diretto Blizzard e “condividono la responsabilità per lo sviluppo e la responsabilità operativa per l’azienda”.

READ  AllAntiCovid ti spia? Ecco come prevenirlo!

“Entrambi sono leader con grande carattere e integrità che sono profondamente impegnati a garantire che il nostro posto di lavoro sia l’ambiente più stimolante e accogliente per l’eccellenza creativa e il mantenimento dei più alti standard di sviluppo del gioco”.

Oh

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *