Il CEO di Volkswagen attacca il capo Volkswagen: “Nessuno è a bordo” – Economia

Alla luce delle speculazioni sui tagli di posti di lavoro in Germania, è chiaro che il Volkswagen Business Council è contrario ai tagli di posti di lavoro. “Non ci sono molte persone a bordo qui”, ha detto giovedì Daniela Cavallo, presidente del General Business and Group Council, a migliaia di dipendenti a Wolfsburg. Allo stesso tempo, ha chiesto un “corso coraggioso” nella ristrutturazione del gruppo e ha nominato l’amministratore delegato Herbert Diess in carica.

Volkswagen è attualmente sotto pressione a causa dello spostamento del settore verso la mobilità elettrica e, come molti altri produttori, soffre di una mancanza di chip.

Le presunte dichiarazioni dell’amministratore delegato Dies hanno suscitato scalpore a metà ottobre, poiché in Germania potrebbero essere tagliati fino a 30.000 posti di lavoro a causa del passaggio alle auto elettriche; La società ha poi affermato che il ridimensionamento di questa fascia di dimensioni “non è un problema”.

Un possibile ridimensionamento del personale ha suscitato ondate giovedì a Wolfsburg durante l’assemblea generale. “Non puoi negoziare un solo lavoro con noi”, ha detto Cavallo, e ha criticato il fatto che il consiglio di amministrazione del gruppo intorno a Diess non sia stato in grado di garantire la fornitura di semiconduttori e sfruttare la capacità dello stabilimento di Wolfsburg, dove la produzione aveva sceso drammaticamente a causa di una carenza di chip.

[Lesen Sie mehr auf Tagesspiegel Plus: VW-Markenchef im Interview-„Tempo 30 in der Stadt ist ein guter Kompromiss“ (T+)]

“Smettila di speculare sui tagli di posti di lavoro e lavora con noi per trovare soluzioni”, ha supplicato Cavallo. Il Volkswagen Business Council sta sollecitando, tra le altre cose, a costruire un altro modello elettrico a Wolfsburg nei prossimi anni.

READ  41 nazioni si sfidano a Torino, tornano due nazioni

Il presidente del Consiglio del lavoro ha anche commentato la recente speculazione secondo cui i dipendenti non si fidano più del vertice del gruppo. “Non si tratta di individui”, ha detto Cavallo. “L’unica cosa che conta per noi è trovare soluzioni alle sfide future”.

Daniela Cavallo, Presidente del Public Business and Group Council di Volkswagen AG (foto d’archivio, 25 maggio 2021)Foto: Swen Pförtner / dpa

Cavallo però ha anche chiarito che in questi tempi turbolenti fidarsi è bene, ma controllare è meglio: “Non voglio continuare a fare affidamento su promesse fatte dal board del gruppo, che alla fine non sono state mantenute comunque criticate.

Mercoledì, il quotidiano Handelsblatt, citando circoli aziendali e consigli di sorveglianza, ha riferito che i rappresentanti dei dipendenti alla riunione del consiglio di sorveglianza dello scorso mercoledì avevano ritirato la loro fiducia in Dess.

Ciò è stato giustificato dalle deliberazioni scoordinate dell’amministratore delegato sul licenziamento di 30.000 dipendenti Volkswagen: carenze interne e operative. Dalla comunità imprenditoriale, il rapporto afferma che “sono attualmente in corso colloqui costruttivi e confidenziali”.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Dess ha risposto alle preoccupazioni per ulteriori tagli di posti di lavoro, ma non ha affrontato l’enorme numero di 30.000 posti di lavoro. “Voglio che i tuoi figli e nipoti abbiano ancora un lavoro sicuro qui con noi a Wolfsburg nel 2030”, ha detto.

Ma: “I posti di lavoro che esistono oggi saranno sicuramente meno tra 10-15 anni – soprattutto nella gestione a livello di gruppo, ma anche nella produzione e nello sviluppo”. Nel frattempo, si aggiungono nuove e diverse opere.

Herbert Dies, presidente del consiglio di amministrazione di Volkswagen AG. (foto d’archivio, 26/07/2021)Foto: Karsten Cole / D

Rispondendo alle critiche di Cavallo sulla sua gestione pubblica di possibili nuovi tagli di posti di lavoro, l’amministratore delegato ha ammesso: “Dobbiamo parlarci”.

Il presidente della Volkswagen Herbert Diess ha dato il benvenuto a decine di migliaia di ascoltatori durante un incontro di lavoro giovedì Riaffermare gli obiettivi di mobilità elettrica. “Il Wolfsburg in particolare è importante per il gruppo e dovrebbe essere la punta di diamante”, ha detto Dies. Tuttavia, ha anche notato che la competizione dovrebbe essere seguita da vicino: “Il prossimo golf non deve essere una Tesla! Il prossimo golf non deve venire dalla Cina!”

Dess aveva inizialmente annullato la sua partecipazione all’evento mediatico e non voleva affrontare l’incontro pubblico. Dopo l’intervento di Cavallo, ha posticipato un viaggio per investitori americani che era stato invece programmato. “Solo insieme possiamo rendere Volkswagen una guida per il futuro”, ha detto. Per fare ciò, devi spostare il gruppo “in tempo per cambiare rotta”.

Per quanto riguarda la concorrenza Tesla, che sta per avviare la sua nuova fabbrica a Grünheide vicino a Berlino, questo significa: “Non dobbiamo lasciare che Tesla distrugga il nostro sito, la nostra sede aziendale!”

Secondo Diess, il quartier generale della Volkswagen ha buone possibilità “di diventare di nuovo un pioniere nella produzione automobilistica”. In generale, richiede meno manodopera tradizionale per veicoli elettronici, che richiede molte nuove competenze. Dis: “Stiamo pianificando tempi di produzione più rapidi e collaborazioni più efficienti”, afferma. (AFP, dpa)

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *