Il cinque volte lanciatore di rilievo della MLB All-Star Doug Jones muore a 64

Getty Images

I Cleveland Guardians hanno annunciato lunedì che Doug Jones, ex confidente della Major League Baseball, è morto all’età di 64 anni.

Jones ha trascorso parte di 16 stagioni nelle major, promuovendo Orioles, Cubs, Phillies, Astros, atletica, Brewers e Indians. È famoso soprattutto per le sue sette stagioni con Cleveland, avendo partecipato a tre delle sue cinque partite All-Star con il club. Jones ha anche lavorato nella squadra All-Star con gli Astros nel 1992 e i Phillies nel 1994.

Arruolato nel terzo turno del Central Arizona College nel 1978 dai Brewers, Jones debuttò l’8 aprile 1982 con il Milwaukee. È apparso in sole quattro partite in quella stagione ed è tornato al Palace. Quando tornò con Cleveland nel 1986, era lì per restare. Avrebbe trascorso le successive quindici stagioni nelle major, principalmente come devoto a tempo pieno e molto tempo come impiegato primario più vicino.

In 846 presenze in carriera, Jones è andato 69-79 con 3,30 ERA (129 ERA+), 1,24 WHIP e 909 strike in 1.128 1/3 inning. È al 29° posto nella storia della MLB con 303 parate in carriera. Ha superato 43 volte nel 1990. Ha avuto cinque parate di oltre 30 volte e altre tre stagioni con almeno 20.

Jones ha ricevuto voti MVP al ballottaggio inferiore in quattro diverse stagioni, finendo due volte 15° (15° posto nel 1988 e 14° posto nel 1992).

Come notato nel tweet sopra, Jones è al terzo posto nella storia del franchise di Cleveland nella conservazione, dietro solo a Cody Allen e Bob Wakeman. Durante il suo periodo con la squadra, si è guadagnato il soprannome di “Mild Thing”, un’opera teatrale del film, Major League Gli indiani avevano una brocca che sembrava una rock star soprannominata “Wild Thing”. Il Jones baffuto era solo un po’ arricciato e figo.

READ  Scozzesi cool di Chic e Czech

You May Also Like

About the Author: Silvia Tocci

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *