Il Congo dice che deve combattere un nemico comune con l’Uganda mentre i soldati attraversano il confine

Soldati delle forze armate della Repubblica Democratica del Congo riposano vicino a una strada dopo che un gruppo ribelle islamista chiamato Forze Democratiche Alleate (ADF) ha attaccato un’area intorno al villaggio di Mukoko, provincia del Nord Kivu della Repubblica Democratica del Congo, 11 dicembre , 2018. Foto: Goran Tomasevic – Reuters

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

BENI, Repubblica Democratica del Congo (Reuters) – Le autorità congolesi hanno cercato mercoledì di dissipare le preoccupazioni per l’arrivo delle forze ugandesi nell’est della Repubblica Democratica del Congo in un’operazione congiunta in corso contro un gruppo legato allo Stato Islamico.

Testimoni oculari hanno visto centinaia di soldati ugandesi entrare in Congo mentre entrambi i paesi schieravano forze speciali Per mettere in sicurezza le regole della milizia delle forze democratiche alleate che avevano colpito con attacchi aerei e artiglieria il giorno prima. Per saperne di più

Il portavoce del governo Patrick Moyaya ha affermato che i due paesi stanno cooperando contro un nemico comune. Le forze democratiche alleate sono accusate di aver ucciso centinaia di civili nell’est del Congo dal 2019 e di aver effettuato una serie di recenti attentati in Uganda.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

“Sappiamo che è un processo che alcuni dei nostri cittadini stanno mettendo in discussione per buone ragioni”, ha detto in una conferenza stampa a Kinshasa. Noi e l’Uganda abbiamo l’obbligo di lavorare insieme”.

La mossa ha suscitato disagio in entrambe le capitali per il comportamento dell’esercito ugandese durante la guerra civile in Congo del 1998-2003, per la quale Kinshasa chiede risarcimenti per miliardi di dollari. L’Uganda ha descritto la somma devastante. Per saperne di più

READ  Incidente nell'impianto nucleare iraniano di Natanz dopo l'attivazione di una centrifuga

Il portavoce dell’esercito Leon Richard Kasonga ha rifiutato di dire quante truppe ugandesi ci sono in Congo, quanto durerà la missione congiunta o il numero di morti sostenute dall’ADF.

“Pazienza”, ha detto in conferenza stampa. “Siamo solo all’inizio.”

Il presidente Felix Tshisekedi chiede aiuto ai vicini da mesi. Un rapporto parlamentare afferma che i suoi sforzi per porre fine a decenni di spargimenti di sangue nell’est del Congo sono stati ostacolati da scarsa pianificazione, corruzione e finanziamenti insufficienti. Per saperne di più

“Ho appena visto 30 veicoli pieni di soldati ugandesi entrare in Congo. Ho visto anche due carri armati”, ha detto Blaise Bokassa, residente a Nobili. Un altro testimone, un attivista per i diritti civili, ha detto di aver visto “diversi veicoli con a bordo centinaia di soldati ugandesi”.

Una portavoce dell’esercito ugandese ha detto di non poter commentare immediatamente.

L’operazione sembrava più ambiziosa dell’ultima volta che l’Uganda ha attaccato le forze democratiche alleate in Congo, nel 2017, quando ha affermato di aver ucciso 100 combattenti in attacchi aerei, ha affermato Nileki van de Wale dell’International Crisis Group con sede a Bruxelles.

Il legislatore dell’opposizione ugandese Joel Sinyoni ha affermato che il governo avrebbe dovuto chiedere al parlamento il permesso di schierare le truppe.

“Temiamo che vedremo le stesse attività illegali che si sono verificate durante l’epidemia precedente: furto di oro e altre materie prime”.

L’ADF, che ha dato il via a una rivolta in Uganda ma ha sede in Congo dalla fine degli anni ’90, ha promesso fedeltà allo Stato Islamico nel 2019. Tuttavia, i ricercatori delle Nazioni Unite non hanno trovato prove del controllo dello Stato Islamico sulle operazioni dell’ADF. Per saperne di più

Segnalazioni aggiuntive di Erikas Moisi Kambale, Elias Priaparima, Herward Holland e Alessandra Prentice; Scritto da Hereward Holland e Alessandra Prentice; Montaggio di Angus Maxwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *