Il governo italiano si prepara a un confronto con la classe operaia

Entrambe le camere del parlamento italiano hanno votato in modo schiacciante a favore del nuovo governo di Mario Tragi. Ha ricevuto 262 voti a favore dell’opposizione, mentre la Camera dei Deputati ha votato 535 a 56 voti a favore del governo.

La scorsa settimana, il 73enne ex capo della Banca centrale europea ha formato un governo che include tutti i principali partiti nazionali, dall’estrema destra Leica ai socialdemocratici (Pdp), con l’eccezione dei fascisti Fratelli de Italia. Alcuni ministeri chiave saranno guidati da tecnici non allineati. Il gruppo imprenditoriale Confidentia e i sindacati hanno promesso il loro sostegno al governo.

Drake ha pronunciato mercoledì scorso un discorso preciso al Senato, in cui ha chiesto “unità nazionale” e “responsabilità nazionale”. Ha detto che non è necessaria alcuna reazione per definire il suo governo. Ha detto che era “semplicemente il governo del paese”. Ha fatto appello al “senso di sacrificio” e al “dovere di cittadinanza” del popolo e ha aggiunto: “Oggi l’unità non è un’opzione, è un obbligo”.

Consegna del governo da Giuseppe Conte a Mario Drake (Immagine: governo.it/CC-BY-NC-SA 3.0 IT)

Il suo governo, tuttavia, manca dell’unità del paese, ma piuttosto chiude le fila dell’élite al potere in un paese che è profondamente diviso e diretto verso un’esplosione sociale.

Draghi non è stato negligente nel confrontare il suo governo con i “governi dell’immediato dopoguerra”, cooperando “le forze politiche erano molto distanti, se non contraddittorie”. A quel tempo, il Partito Comunista, guidato da Palmiro Togliatti, aderì a un governo borghese di destra per sopprimere gli sforzi socialisti della classe operaia e salvare il capitalismo italiano.

Tragi ha chiarito ai senatori riuniti quanto fosse profonda la crisi della borghesia italiana e che se non fosse riuscito a sostenere il suo governo avrebbero messo in pericolo una rivolta sociale.

Secondo il Presidente del Consiglio, dallo scoppio dell’epidemia ci sono stati 92.522 morti e 2.725.106 contagi, anche se non sono ancora stati calcolati i dati ufficiali. Solo sotto gli operatori sanitari, 120.000 persone sono state colpite e 259 sono morte. A seguito dell’epidemia, l’aspettativa di vita della popolazione nel suo complesso si è ridotta da uno e mezzo a due anni, mentre nelle aree gravemente colpite dal virus è passata da quattro a cinque anni. Drake ha detto che non c’è stato un declino paragonabile dopo la seconda guerra mondiale.

READ  Amici di lunga data uniscono le forze per aprire un nuovo ristorante italo-americano a Duson | Calient

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *