Il nuovo accordo di difesa Giappone-Australia invia un messaggio alla Cina: Analista

Un analista senior di un think tank australiano ha affermato venerdì che un nuovo patto di difesa tra Australia e Giappone invia un messaggio forte alla Cina: i due paesi lavoreranno a stretto contatto per garantire la stabilità nella regione indo-pacifica.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha incontrato giovedì il suo omologo australiano Scott Morrison. il Due paesi hanno firmato un accordo di accesso reciproco (RAA) che sarà oggetto delle necessarie procedure nazionali prima che diventi operativo “non appena possibile”.

L’accordo aprirà la strada a legami di difesa più stretti tra i due paesi, poiché le forze giapponesi e australiane possono schierarsi dalle basi reciproche e stabilire protocolli congiunti, secondo Malcolm Davis dell’Australian Strategic Policy Institute.

“Ciò che è più importante è il messaggio strategico che questa RAA invia alla regione – che Giappone e Australia stanno lavorando insieme più strettamente per garantire la libertà e l’apertura dell’Indo-Pacifico”, ha detto Davis alla CNBC.Squawk Box Asia. “

“Sta accadendo in un contesto emergente in cui la Cina è più assertiva, anche più aggressiva, in aree come il Mar Cinese Meridionale, il Mar Cinese Orientale, dove c’è una disputa territoriale tra Giappone e Cina, e ovviamente riguardo a Taiwan”.

Il primo ministro australiano Scott Morrison presenta un documento durante un vertice virtuale con il primo ministro giapponese Kishida Fumio a Canberra il 6 gennaio 2022.

AFP | Getty Images

Cos’è la regione indo-pacifica?

La crescente influenza della Cina

La Cina ha anche un ambizioso programma chiamato Belt and Road Initiative, che mira a costruire infrastrutture fisiche e digitali che collegano centinaia di paesi dall’Asia al Medio Oriente, all’Africa e all’Europa e ad espandere l’influenza del paese in quelle regioni.

Chen del Milken Institute ha spiegato che mentre gran parte della discussione ruota attorno a come gli altri paesi risponderanno a una Cina in crescita, è anche importante guardare a ciò che il paese sta affrontando a livello nazionale.

Ciò include i suoi sforzi per contenere l’epidemia di Covid e cercare di rimettere in carreggiata la sua economia – Gli economisti sono preoccupati I problemi nel mercato immobiliare e la stagnazione dei consumi potrebbero pesare sulle prospettive di crescita della Cina.

Tuttavia, Chen ha affermato di sperare che nel 2022 tutte le parti coinvolte facciano un passo indietro e se ne rendano conto [to] Nessuno trae vantaggio se quella che alcuni chiamano una guerra fredda emergente diventa una guerra calda nella regione Asia-Pacifico”.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *