Il parco acquatico della Disney riaprirà a gennaio, quasi due anni dopo

Mercoledì 29 dicembre 2021 – 19:31

Come tutti i Disney World, Typhoon Lagoon, aperto nel 1989, è stato chiuso a marzo 2020 a causa di Kovit-19.

Il Typhoon Lagoon Water Park di Disney World, situato vicino a Orlando, in Florida, riaprirà i battenti il ​​2 gennaio, dopo aver chiuso quasi due anni a causa di un’epidemia, ha affermato la società sul suo blog.

Celebrando i suoi primi 50 anni nel 2021, il Lake Funa Vista in Florida riaprirà con la chiusura annuale di un altro parco acquatico, Blizzard Beach, nell’enorme campus Disney.

Come tutti i Disney World, Typhoon Lagoon, che ha aperto nel 1989, è stato chiuso a marzo 2020 a causa del governo 19, ma a differenza di altri luoghi che hanno iniziato a riaprire nell’estate del 2020, è rimasto inattivo fino ad ora.

Con la riapertura del Water Park, la Disney ha annunciato il ritorno di due famosi festival al Disneyland Resort Park di Annaheim, in California, nel 2022.

Il Lunar New Year Festival si svolge dal 21 gennaio al 13 febbraio 2022 e il Disney California Adventure Food and Wine Festival si svolge dal 4 marzo al 26 aprile.

Tra le altre attrazioni, il Typhoon Lagoon Water Park presenta la più grande piscina gonfiabile all’aperto del mondo per fare il bagno e fare surf, oltre a un “fiume” con scivoli, cascate, cavalli e ponti, burroni e montagne russe d’acqua.

L’annuncio della riapertura del parco acquatico coincide con un aumento dell’incidenza di Covit-19 dovuto alla variazione omigron in Florida (USA) e in tutto il Paese.

Lunedì, 29.059 nuove infezioni sono state aggiunte al conteggio del Govt-19 in Florida, raggiungendo un totale di oltre 32.000 casi giornalieri sabato 25 dicembre, il più alto di tutte le infezioni.

READ  Justin Bieber chiede ai fan di non aspettare fuori dal suo appartamento per vederlo

Con una popolazione di oltre 21 milioni, la Florida è il terzo stato degli Stati Uniti con la più alta concentrazione di casi di Covid-19 dal marzo 2020 (3,9 milioni), superando solo California e Texas. In termini di numero di morti, questo è il quarto, con un’epidemia totale di quasi 63.000.

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *