Il post su LinkedIn del padre dice che al quattordicenne è stato chiesto “Sei un ragazzo o una ragazza” prima di essere attaccato

Una giovane ragazza ad Amsterdam è stata aggredita lunedì in quello che la polizia considera un crimine d’odio LGBT, dopo Condividi Padre su LinkedIn A proposito dell’incidente il virus si è diffuso.

Paul Brink ha condiviso un post che descrive in dettaglio l’aggressione di sua figlia, Frederic, che è raffigurata con la pubblicazione con il naso e le labbra gonfie, le lacrime che le rigano il viso.

Ha scritto, secondo una traduzione approssimativa del post: “Questa è la mia bellissima figlia Frederic di cui sono molto orgoglioso perché vuole essere ciò che è”. “Ragazzo o ragazza, etero, gay o bisessuale, a lei (e a tutti noi) non interessa.”

Brink ha affermato che Frederick stava camminando per strada quando un ragazzo ha iniziato a chiederle del suo genere.

“Lì un ragazzo di circa 14 anni le si avvicinò ‘Sei un ragazzo o una ragazza!!’ le ha urlato contro”, ha scritto Brink. “Non importa,” mia figlia ha risposto dolcemente. “Sei un ragazzo o una ragazza!!” Le gridò di nuovo “Io sono chi sono e tu potresti essere se vuoi essere”, rispose di nuovo dolcemente. “

Brink ha scritto che il ragazzo ha poi aggredito sua figlia, rompendole il naso e diversi denti e lasciandole una mascella rotta, tra le altre ferite.

A nome di mia figlia Frederic, faccio appello a tutti coloro che condividono la stessa opinione: ‘Puoi essere quello che vuoi! Avanti, codardo! ”, ha concluso il post, diventato virale.

Martedì, la polizia ha detto di aver arrestato un ragazzo di 14 anni con l’accusa di coinvolgimento nell’aggressione, ha detto la polizia. Associated Press. La polizia ha dichiarato di non escludere ulteriori arresti.

READ  I dati preliminari mostrano che il partito filo-occidentale ha vinto le elezioni moldave

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *