Il presidente egiziano Sisi mette fine allo stato di emergenza per la prima volta da anni

IL CAIRO (Reuters) – Il presidente Abdel Fattah al-Sisi ha dichiarato lunedì che lo stato di emergenza in Egitto sarà revocato per la prima volta da anni.

L’Egitto ha imposto lo stato di emergenza nell’aprile 2017 dopo i micidiali attentati alle chiese e da allora ha regolarmente esteso le sue estensioni.

Ogni tre mesi, però, la situazione della sicurezza è migliorata.

“L’Egitto è diventato… un’oasi di sicurezza e stabilità nella regione”, ha scritto Sisi in un post su Facebook. Per questo si è deciso, per la prima volta da anni, di annullare l’estensione dello stato di emergenza a tutte le regioni del Paese».

Lo stato di emergenza ha conferito alle autorità ampi poteri per effettuare arresti e reprimere quelli che chiamano nemici dello stato.

È stato attuato durante l’estesa repressione del dissenso politico sotto Sisi che ha travolto i critici liberali e islamisti negli ultimi anni.

Anche le forze di sicurezza egiziane stanno combattendo un’insurrezione di militanti legati allo Stato Islamico nel Nord Sinai, sebbene abbiano recentemente consolidato la loro posizione nella regione. Per saperne di più

Il noto attivista egiziano Hossam Bahgat ha accolto con favore la decisione, affermando che interromperà l’uso dei tribunali per la sicurezza dello stato in situazioni di emergenza, sebbene non si applicherà ad alcuni casi di alto profilo che sono già stati deferiti a questi tribunali.

(Vedi l’ortografia corretta del cognome di un attivista egiziano nell’ultimo paragrafo)

(rapporto Omar Fahmy). Scritto da Naira Abdullah. Montaggio di Peter Kony

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *