Il sindaco italiano accusato di essere saltato sulla linea dei vaccini si è dimesso

“Ho passato una notte insonne su questa decisione e ho deciso che era giusto dimettersi”, ha detto all’agenzia di stampa ANSA Niccolò Nicolosi, 78 anni.

Niccolò s, il sindaco di Corleone, un piccolo paese vicino a Palermo, ha detto di essersi dimesso “nonostante abbia insistito sul fatto che io e gli assessori abbiamo fatto la scelta giusta per vaccinarmi”.

Sabato, le notizie hanno detto che la polizia stava indagando sul sindaco e altri membri del governo municipale e aveva riferito il caso ai pubblici ministeri locali.

La città di Corleone – famosa per aver promosso il nome del boss mafioso dai diritti a “Il Padrino” – ha confermato sulla sua pagina Facebook che Nicolas ha ricevuto due vaccini a gennaio.

L’Italia ha iniziato la sua campagna di vaccinazioni a fine dicembre, assegnando la prima dose agli operatori sanitari e agli ultraottantenni. Come in altre parti d’Europa, le carenze di approvvigionamento hanno causato ritardi.

Nicholsi ha affermato che i politici locali come lui hanno bisogno di protezione immediata contro il virus perché i principali assistenti sociali servono le loro comunità locali.

La città di Corleone ha dichiarato su Facebook che il suo vaccino è stato “una scelta consapevole che qualsiasi contatto con il virus avrebbe potuto costringerlo a lasciare il suo posto in trincea”.

Nicola Mora, senatore del movimento Five Star al potere e leader del gruppo antimafia della camera alta, ha detto che Nicolas non era l’unico politico locale che aveva abusato dell’organizzazione.

“Purtroppo si sente parlare di molte situazioni in cui lo stato di diritto è stato calpestato”, ha scritto Mora su Facebook, esortando altri saltatori di linea a seguire l’esempio delle dimissioni.

READ  Cosa ha portato Nicholas Petos a "OSS 117"

L’Italia finora ha vaccinato 5,3 milioni di dosi e 1,6 milioni di persone sono state vaccinate integralmente, su una popolazione di 60 milioni, secondo i dati del ministero della Salute di domenica.

Il nuovo Primo Ministro, Mario Draghi, insediato il mese scorso, ha posto come priorità accelerare la distribuzione dei vaccini e controllare un’epidemia che ha ucciso quasi 100.000 persone in tutto il Paese.

Per saperne di più: l’Italia vieta le esportazioni di 250.000 vaccini AstraZeneca in Australia

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *