Il sogno olimpico continua: i giocatori di basket festeggiano la vittoria – Berliner Morgenpost

Pallacanestro

Il sogno olimpico continua: i giocatori di basket festeggiano la vittoria

immagine: Getty Images

È stato un lavoro duro. Ma alla fine, i giocatori di basket tedeschi hanno celebrato la loro prima vittoria, insieme a Dennis Schroeder.

strappare, strappare Dopo aver vinto la loro azione sul Messico, i giocatori di basket tedeschi hanno ringraziato il loro nobile tifoso sugli spalti. Sebbene non possa giocare per la squadra tedesca quest’estate per motivi assicurativi, la star dell’NBA Dennis Schroeder si è recata a Spalato per supportare la sua squadra nella battaglia per il biglietto olimpico. Il portiere 27enne ha dovuto rabbrividire a lungo prima che la squadra dell’allenatore della nazionale Henrik Rudel battesse il perdente Messico 82:76 (40:42) e compisse così un enorme passo avanti verso le semifinali.

“E’ fantastico, aiuta tutti e mostra quanto apprezzi la nazionale”, ha detto Rudel. “Sono felice di averlo qui e soprattutto per poter festeggiare la vittoria”, ha detto l’allenatore sollevato. “Ovviamente è fantastico avere Dennis qui e supportarci. Dimostra quanto sia importante per lui”, ha detto Andreas Obst. “È stato un lavoro duro, ma abbiamo mantenuto la calma e alla fine abbiamo meritato di vincere”.

La nazionale tedesca giocherà giovedì contro la Russia

Il miglior lanciatore tedesco è stato Goshiko Saibo con 17 punti. Il centro ha convinto Johannes Voigtmann con dieci rimbalzi, dieci rimbalzi e cinque assist. Giovedì (ore 16.30 / Magentasport), la selezione dell’Associazione tedesca di pallacanestro continua con la sfida contro la Russia.

Sabato la prima e la seconda di due gironi da tre si qualificano per le semifinali. L’unico vincitore del torneo con un totale di sei squadre ottiene un biglietto per i Giochi Olimpici di Tokyo. L’ultima volta che i giocatori di basket tedeschi hanno gareggiato alle Olimpiadi di Pechino è stata nel 2008 con la star Dirk Nowitzki.



Moritz Wagner: prima dovevamo trovare i nostri ruoli in una posizione difensiva

Dopo i preparativi turbolenti con la controversa nomina di Saibo e la cancellazione di Schroeder all’ultimo minuto, la squadra tedesca ha iniziato nervosamente nella quasi vuota Spaladium Arena. Ed è diventato chiaro alla squadra che non aveva ancora giocato insieme in questa costellazione, perché la prova generale contro il Senegal giovedì scorso è stata annullata a causa di casi di infezione da Corona virus tra gli africani. “Certo che ha avuto un ruolo, abbiamo dovuto trovare i nostri ruoli, soprattutto a livello difensivo”, ha detto il professionista NBA Moritz Wagner.

La nazionale tedesca non ha dominato in particolare il messicano Francisco Cruz. Il 31enne ha segnato 30 punti alla fine e ha inalato un ronzio di lunga data con la sua squadra. È stato solo quando i messicani hanno perso il loro potere che la selezione della German Basketball Association è stata in grado di dare una svolta al gioco. “Sappiamo che dovremmo giocare meglio contro la Russia. Ma sono ancora orgoglioso della squadra, di come hanno combattuto per questa importante vittoria”, ha detto Rudel.

Nella ripresa è soprattutto Saibo a mettere a segno punti importanti e costringere i messicani a commettere errori difensivi. L’ex residente di Bonn aveva preso le distanze dalle teorie del complotto poco prima dell’incontro in un’intervista a dpa, ma la sua candidatura resta controversa. Ma in termini sportivi, ha continuato ad aiutare la squadra, poiché con le tre vittorie in Supercoppa ad Amburgo, è stato il miglior lanciatore. “Non voglio evidenziare nessuno in particolare, ma Josh Sibo, Isaac Bonga e Andy Obst si sono messi sulla difensiva nel secondo tempo”, ha detto Rudel.



READ  "Sergio non andrà in pensione, il suo contratto non verrà rescisso", afferma René Ramos, suo fratello e agente d'affari.

You May Also Like

About the Author: Silvia Tocci

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *