Il Sudan chiude la porta al sostegno di Hamas dopo la caduta di Al-Bashir

Le autorità sudanesi hanno preso il controllo dei lucrosi beni che hanno fornito sostegno ad Hamas nel corso degli anni e hanno evidenziato come il paese abbia operato come rifugio per il gruppo armato palestinese sotto l’ex presidente Omar al-Bashir.

L’acquisizione di almeno una dozzina di società che secondo i funzionari sono collegate ad Hamas ha contribuito ad accelerare il riallineamento del Sudan con l’Occidente da quando Bashir è stato rovesciato nel 2019. Nell’ultimo anno, Khartoum ha vinto la rimozione dall’elenco degli Stati sponsor del terrorismo (SST) degli Stati Uniti. e sulla via della cancellazione del debito: più di 50 miliardi di dollari.

Analisti sudanesi e palestinesi hanno affermato che Hamas ha perso una base straniera dove i suoi membri e sostenitori possono vivere, raccogliere denaro e trasferire armi e denaro iraniani nella Striscia di Gaza.

I beni sequestrati da fonti ufficiali sudanesi e da una fonte di intelligence occidentale mostrano in dettaglio l’estensione di queste reti.

Secondo i funzionari di una task force istituita per smantellare il regime di Bashir, comprendono immobili, azioni societarie, un hotel in una posizione privilegiata a Khartoum, un ufficio di cambio valuta, una stazione televisiva e oltre un milione di acri di terreni agricoli.

Wagdy Salih, un membro di spicco della Task Force – Comitato per lo smantellamento del regime del 30 giugno 1989 e il ripristino dei fondi pubblici, ha affermato che il Sudan è diventato un centro di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo.

READ  L'India ha il più alto aumento di un giorno al mondo di casi di COVID con 300.000 infezioni

Ha detto che il sistema era “una grande copertura e una grande tettoia sia internamente che esternamente”.

Una fonte dell’intelligence occidentale ha affermato che le tecniche utilizzate in Sudan sono comuni nella criminalità organizzata: azionisti fidati, affitti riscossi in contanti e trasferimenti effettuati tramite uffici di cambio erano diretti da società.

Sostieni pubblicamente al-Bashir agitazioneEra amico dei suoi capi.

Un membro della task force, che ha parlato a condizione di anonimato, ha dichiarato: “Hanno ricevuto un trattamento preferenziale nelle gare d’appalto, un’esenzione fiscale e sono stati autorizzati a trasferirsi ad Hamas ea Gaza senza confini”.

Asse Islamico

Il viaggio del Sudan da stato paria ad alleato degli Stati Uniti è stato graduale. Nel decennio da quando al-Bashir ha preso il potere nel 1989, il paese è diventato un centro per gli islamisti radicali, ha ospitato Osama bin Laden per diversi anni ed è stato sanzionato dagli Stati Uniti per i suoi legami con i militanti palestinesi.

Il presidente di Hamas Ismail Haniyeh parla alla stampa al suo arrivo al valico di frontiera di Rafah nel sud della Striscia di Gaza nel 2017 (Fonte: ABED RAHIM KHATIB / FLASH90)

Bashir in seguito tentò di prendere le distanze dagli islamisti intransigenti e intensificò la cooperazione in materia di sicurezza con Washington. Nel 2016, il Sudan ha interrotto i rapporti con l’Iran e l’anno successivo ha ritirato le sanzioni commerciali statunitensi contro Khartoum dopo che Washington ha accettato di interrompere il sostegno statale ad Hamas.

Ma fino alla caduta di al-Bashir, le reti che hanno sostenuto Hamas sono rimaste al loro posto.

Secondo un funzionario dello staff, gli investimenti di Hamas in Sudan sono iniziati con piccoli progetti come ristoranti fast food prima di entrare nel settore immobiliare e nell’edilizia.

READ  L'estrema destra francese perde le elezioni regionali chiave

Gli esempi includono Hassan e Al Obaid Company, che è iniziata come una società di cemento e si è espansa in grandi progetti immobiliari.

La task force afferma che è stato in una rete di circa altre 10 grandi società legate alla proprietà di azioni legate all’alleato di Bashir Abdel Baset Hamza che ha spostato ingenti somme attraverso conti bancari esteri.

La più grande di queste è stata la Al-Ruwad Real Estate Development Company, fondata nel 2007 e quotata alla Borsa di Khartoum con società affiliate, che una fonte di intelligence occidentale ha affermato di aver riciclato denaro e scambiato la valuta per finanziare Hamas.

Hamza è stato imprigionato ad aprile per 10 anni con l’accusa di corruzione e mandato nella prigione di Khartoum dove è detenuto Bashir. La task force ha detto che ha un patrimonio fino a $ 1,2 miliardi a suo nome. Non è stato possibile raggiungere l’avvocato di Hamza che rappresenta Bashir per un commento.

Una seconda rete, del valore di 20 milioni di dollari, ruota attorno all’emittente Taiba e a un ente di beneficenza associato chiamato Al-Mishkat. Era gestito da due membri di Hamas che hanno ottenuto la cittadinanza e hanno unito attività e proprietà immobiliari, secondo Maher Abu al-Jawkh, un custode incaricato di gestire Taiba. Abu Al-Joukh ha affermato che il canale televisivo stava trasferendo denaro dal Golfo e riciclando milioni di dollari, e che aveva chiari collegamenti con Hamas.

In contatto con Reuters, il funzionario di Hamas Sami Abu Zuhri ha negato che il gruppo avesse investimenti in Sudan, ma ha riconosciuto l’impatto della transizione politica in Sudan: “Purtroppo ci sono state diverse misure che hanno indebolito la presenza del movimento (di Hamas) nel paese ( Sudan). “Ha detto. I rapporti politici con esso sono limitati”.

READ  L'ex ambasciatore Usa definisce Putin un "codardo" dopo che l'avvocato di Navalny è stato arrestato

normalizzazione

L’anno scorso, il Sudan cercava disperatamente di sfuggire alla lista SST, un prerequisito per la cancellazione del debito e il sostegno dei prestatori internazionali.

Sotto la pressione degli Stati Uniti, si unì agli Emirati Arabi Uniti, al Bahrain e Marocco Accettando di normalizzare le relazioni con Israele, sebbene si sia mosso lentamente per attuare l’accordo.

Un ex diplomatico statunitense che ha lavorato in Sudan sotto l’amministrazione Trump ha affermato che la chiusura della rete di Hamas è stata fondamentale per i negoziati con Khartoum. “Stavamo spingendo una porta aperta”, ha detto.

Secondo una fonte sudanese e una fonte di intelligence occidentale, gli Stati Uniti hanno fornito al Sudan un elenco di aziende da chiudere. Il Dipartimento di Stato ha rifiutato di commentare.

Diverse figure legate ad Hamas sono andate in Turchia con alcune attività liquide, ma hanno lasciato circa l’80% del loro investimento, ha detto il funzionario della task force.

L’analista sudanese Magdi al-Gizouli ha affermato che i leader di transizione del Sudan “si vedono come l’esatto opposto di Bashir in termini regionali”. Vogliono vendersi come un elemento del nuovo ordine di sicurezza nella regione.

“Il colpo di stato contro al-Bashir ha causato problemi reali ad Hamas e all’Iran”, ha affermato l’analista palestinese Adnan Abu Amer. “Hamas e l’Iran hanno dovuto cercare alternative, alternative che non esistevano perché il colpo di stato contro al-Bashir è stato sorprendente”.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *