Il suo eroe si chiamava Bob Moran: Henry Furness non c’è più

Per essere un uomo che ha passato la vita sotto pressione, sembra un po’ rilassato. Seduto sul divano, sorridente dietro gli occhiali eternamente scuri, un bastone che usa a malapena per passeggiare nel suo appartamento a Bruxelles, la grotta di Ali Baba con un tumulto perfettamente organizzato. Il televisore funziona senza audio. ha presenza La donna delle pulizie si muove discretamente da una stanza all’altra. Le finestre si affacciano su un piccolo cortile e il sole è gelido all’inizio di gennaio. Henry Furness esita: non sa esattamente quanto Bob Moran abbia scritto. “ Tra 200 e 230. Al culmine delle edizioni di successo di Almoravid e facendo fortuna, pubblicava sei numeri all’anno. Infernal Rhythm, come The Valley con lo stesso nome, il primo volume della serie, che vede l’ex Comandante e Pilota della RAF, Tecnico Tecnico, Karateka, Nectalup e “ Reporter occasionale per la rivista Reflets “Immersioni in compagnia nella giungla della Nuova Guinea” Amante del whisky rosso scozzese gigante »Bill Plantin.

Apparentemente Henri Vernes, il proprietario del vero personaggio diverso da Charles-Henri Dewisme, si è sempre rivolto a lui all’ultimo minuto, raggiunto nei tempi di consegna. Va detto che quando il suo editore era impaziente di ricevere il seguito di La Galère engloutie, il secondo titolo di una serie che nessuno ancora sapeva sarebbe diventato uno dei più grandi successi della letteratura per ragazzi, lo chiamò telegramma: Ho scritto per poter viaggiare e i miei viaggi hanno tratto ispirazione per avventure future. Per scrivere, devi aver vissuto. Avevo appena deciso di raggiungere alcuni amici di coltivatori di banane in Sud America. »

Nel gennaio 1954, l’urgenza per l’autore di navigare sulla Columbia in mezzo all’Atlantico era di ricevere una lettera educata e di confinarsi nella sua cabina per alcuni giorni. ” Ho scritto dappertutto, ho iniziato con un’idea vaga e sono andato Egli ha detto. Ho scoperto la storia man mano che andavo avanti, forse è per questo che la tensione narrativa è stata mantenuta. Ho sempre vissuto senza un piano, e non avrei iniziato a realizzarlo per i miei libri. »

“adulto intelligente”

Libri d’avventura alimentati dall’erudizione classica, storica e accademica, tratti da libri, riviste e curiosità insaziabili. Come il suo personaggio, Henri Vernes ha viaggiato molto, amato e guidato come dice lui” sedia bastone di vita “Ma lui ripete che non lo è mai stato davvero” uomo d’affari Anche se la sua timidezza non gli faceva considerare un atto di resistenza più che onorevole, molti al suo posto ne facevano i gargarismi.

READ  Lip Wings: questa tendenza delle labbra in rete: Femme Actuelle Le MAG

Bob Morano! Un personaggio immaginario che ha dato il via a molte carriere come avventuriero e scrittore. In un libro pubblicato nel 2008, lo scrittore e poeta belga Daniel Fanou ha raccolto testimonianze, tra cui quella di François Telander: “ Ci sono pochi romanzieri. Cioè, persone che coprono tutta la realtà disponibile con la loro storia. C’è Balzac. C’è Simeone. chi altro ? Beh, sicuramente Henry Ferns. […] Siamo stati presi per quello che eravamo: gli uomini del futuro, ancora solitari nell’infanzia, nel cortile della scuola, che sognavano di abbracciare il mondo intero. In Bob Moran, un adulto intelligente ci stava dicendo la verità, cioè il mondo è vasto, pieno di circostanze inaspettate, cieli enormi, barche a vela, persone coraggiose che combattono il male. Nel suo ufficio, accanto ai ritratti di Balzac e Rostand, vediamo Henri Vernes: Indossa una giacca, il colletto della camicia aperto, scrive. Quando ho visto questa foto, a circa 12 anni, sapevo che lo sarei stato, e che l’avrei fatto. “Abbiamo trovato altre persone inaspettate, come BHL, che un giorno si sono avvicinate al padre di Bob Moran nel soggiorno per dire:” Signore, grazie a te sono diventato uno scrittore! »

Più di duecento titoli con lo scoop. Vendute decine di milioni di copie, una cinquantina tra fumetti, serie tv, fan club e successi per il gruppo Indocina, nel 1983 è una raccolta di titoli interessanti: Alla ricerca dell’ombra gialla / Il nome dei ladri è Mr. Kali Jones / Con l’amico Bill Ballantine / Salvato a malapena dai coccodrilli / Ferma il traffico dei Caraibi / Scalo nell’operazione Nadawieb. »

L’unica cosa che mancava era il film che avrebbe assicurato la fortuna di Henry Ferns. Christoph Gans, Direttore patto dei lupiHa avuto l’idea per un lungometraggio, ma il progetto è tornato a dormire nelle sue scatole. Quanto al produttore canadese che ha acquistato un’opzione sui diritti, Henri Vernes non ci crede molto. In un’intervista, il produttore lo vedrà incarnare l’eroe dai tratti cesellati… Jean Dujardin! L’idea fa brontolare lo scrittore.

READ  Goldman Sachs: acquisizione di miliardi nella gestione patrimoniale NN

Come ha fatto questo personaggio, nato nel 1953 dall’idea di Jean-Jacques Schillins, direttore letterario delle edizioni di Marabout, ad avere un successo così clamoroso, e ad affascinare così generazioni di lettori? “ A quel tempo, era ancora lì “punti bianchi” zone inesplorate. Quando sono andato per la prima volta al confine brasiliano, i Jivaros stavano ancora decapitando. Il viaggio non era democratico, ci voleva tempo per andare da un punto all’altro, prendevamo le barche. L’ignoto significa qualcosa. C’erano spettacoli come Rivista Explorer Scritto da Pierre DeGraubes, che ha affascinato gli spettatori. »

Casta, ma sexy

L’unico figlio di genitori divorziati in anticipo, i mercanti di Tournai, Charles-Henri Dewissum si dedicò ai viaggi molto presto, mentre odiava il turismo. Le sue amicizie prima, il suo amore poi, gli danno un assaggio di altrove e di scoperta: ” A 16 e 17 anni, il mio migliore amico era ebreo. C’era un russo nato in Siberia e vissuto a Shanghai, un iraniano della Romania, uno spagnolo della Turchia e un portoghese delle Azzorre. Erano studenti di una scuola tessile. Per un ragazzo come me, proveniente da un ambiente molto borghese e conservatore, è stata un’apertura meravigliosa, e un’altra intuizione. Probabilmente è da qui che è nato il mio amore per Israele, che, insieme ad Haiti, rimane uno dei miei paesi preferiti. Lì abbiamo tutte le civiltà a portata di mano, una grande apertura intellettuale, e anche se la presenza della religione è molto forte, rimane aperta agli altri. C’è anche la Colombia, da quando lo conobbe, quando era apprendista presso l’Ateneo Reale di Mons, con don César Enrique Riascos ei suoi fratelli, figli di ricchi contadini.

Ama prima di tutto la signora Lu, una cinese di 35 anni, 19 anni che va con lei a Marsiglia nel Canton e poi a Shanghai, con documenti falsi. Una donna archetipica di una misteriosa spia dotata di magia tossica, che ispirerà il personaggio di Miss Ylang Ylang, a capo dell’Organizzazione Smog. ” La donna era la mia felicità e la mia perdita “Riconosci questo affascinante che non è mai stato sposato. Negli anni ’60, alcuni insegnanti cattolici mettevano in guardia anche i genitori sul turbolento erotismo che nasce dai rapporti tra il comandante Moran e le eroine sul suo cammino, simpatiche, come Sophia Paramount, o molto cattive, come Tanya Orloff, la nipote di Mr. Terrible. Ming, soprannominato “Yellow Shadow”, l’orribile guerriero ambientale prima del tempo, è pronto a tutti i crimini efferati per punire l’umanità per aver distrutto il pianeta. In questo argomento, nel bel mezzo del boom economico e industriale, Henri Vernes è stato un pioniere. Molte delle avventure di Bob Moran ruotano attorno ai problemi dell’ambiente e del futuro dell’umanità.

READ  NFT: il terreno d'asta del business digitale in Francia

Ma al futuro del suo eroe, Henry Furness, importa poco: “ Non mi interessa, è tutto finito. “Anche se non apprezza che adattiamo il suo eroe a creare un personaggio che non assomiglia per niente all’originale, dice, come con la nuova commedia pubblicata da Editions du Lombard:” È Bob Moran senza Bob Moran Si asciuga il dorso della mano. Spesso in conflitto con i suoi editori, dice di aver guadagnato molti soldi ma anche di aver sofferto molto: Quando Marabout mi ha detto di aver venduto 100.000 copie, ho capito che ne avevano vendute 200.000, e poiché non sono il tipo che si lascia andare… »

Che cosa farà? “ Sai quando hai 97 anni gli eredi sono morti “Sembra una battuta in cui fa notare un po’ di nostalgia. Non aveva figli”. Perché non è successo». Evoca umilmente la solitudine, ma parla dei suoi tanti amici che vengono a trovarlo. Infatti l’ereditiera ce n’è già una per lui Vecchie fidanzate, Haiti Colui che mantiene il mistero e che chiaramente non ne è consapevole. È lui quello che vediamo in questa foto, su una cassa di legno intagliato, uno dei tanti manufatti che ha raccolto? Lui la guarda, e c’è un’altra foto sotto, con un’altra donna, un’asiatica, la signora Lu o la signorina Ylang Ylang…” Ah, l’ha messo lì fuori, per farmi incazzare! Una vita senza un piano, caos esilarante e milioni di eredi.

Leggi anche: L’ombra di Bob Moran non diventa gialla

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *