In Francia le api vengono rubate: NPR

Un apicoltore ispeziona pneumatici al miele nel 2018 a Bleurdot, nella Francia occidentale. C’è stato un aumento degli alveari rubati nel 2021.

Fred Tanu / AFP tramite Getty Images


Nascondi la didascalia

Cambio di didascalia

Fred Tanu / AFP tramite Getty Images

Un apicoltore ispeziona pneumatici al miele nel 2018 a Bleurdot, nella Francia occidentale. C’è stato un aumento degli alveari rubati nel 2021.

Fred Tanu / AFP tramite Getty Images

In Francia, gli apicoltori di tutto il paese si stanno svegliando e scoprono che i loro alveari sono stati rubati. C’è stato un aumento dei furti in tutto il paese, poiché gli apicoltori hanno accusato una potenziale rete internazionale di apicoltori rapinatori.

L’anno scorso sono state rubate 400 celle. Ma già nel 2021, quel numero ha superato i 600, afferma Frank Alterrow, presidente della Federazione nazionale francese di apicoltura.

“È un grosso problema per noi in Francia”, ha detto Alterrow a Scott Simon Versione weekend. Dice che i furti si verificano in diversi paesi dell’Europa occidentale.

“La rapina da alveare è un fenomeno che è sempre esistito, ma che ora sta assumendo una nuova dimensione”, afferma. In passato, i ladri prendevano pezzetti di miele – la parte in cui viene raccolto il miele – appena prima del raccolto, o una o due celle. “Ma ora stiamo assistendo allo svuotamento degli apiari”, con più di una dozzina di alveari che scompaiono contemporaneamente.

Alcuni apicoltori scoprono di rubare molto di più. Un apicoltore di Thodure, nel sud-est della Francia, ha rubato 25 arnie alla volta ad aprile, volte da Londra menzionato. Nella regione dell’Occitania, nel sud della Francia, un apicoltore professionista ha perso 70 alveari contemporaneamente, secondo quanto riportato parigino, Su un totale di 157 celle rubate da quattro persone in una settimana a marzo.

READ  Il direttore dell'Associated Press difende l'espulsione di uno scrittore filo-palestinese nonostante la reazione del personale: la nostra credibilità è stata "testata"

Il numero di api in tutto il mondo è in calo da un po ‘di tempo varietà Ragioni, comprese le pratiche agricole, l’urbanizzazione e l’aumento delle temperature dovuto ai cambiamenti climatici. Alétru incolpa un tipo di pesticida chiamato Neonicotinoide Per le “migliaia e migliaia” di colonie di api che muoiono ogni anno. Secondo l’Unione Europea, 10% Una delle specie di api e farfalle è minacciata di estinzione in Europa.

Il calo delle popolazioni di api significa che c’è un aumento dei prezzi per le restanti specie. C’è un mercato che vende alveari ad apicoltori dilettanti e vende miele di produzione locale.

Alterrow afferma che l’evoluzione necessaria per rubare con successo più alveari contemporaneamente significa che i criminali sono gli stessi apicoltori. Gli alveari dovrebbero essere presi di notte, poiché le api saranno al chiuso. “Devi conoscere le api. Non sono dilettanti. Devi essere un professionista.”

Alcuni apicoltori hanno gruppi di alveari rubati per decine di migliaia di dollari. parigino menzionato.

Alétru ipotizza che alcuni alveari vengano venduti ad apicoltori di altri paesi.

Si consiglia agli apicoltori di installare telecamere a infrarossi sugli alberi per catturare i colpevoli. “Grazie a questo sistema, i ladri sono già stati arrestati quest’anno”, dice. Un altro metodo consiste nel nascondere il localizzatore GPS nella finestra della cella.

C’è circa 68.000 Apicoltori in Francia. In passato, c’è stato “silenzio” da parte degli apicoltori che erano riluttanti a denunciare il furto di alveari alla polizia. Ma Altru vuole che si facciano avanti.

Spera che anche le sanzioni per rapina siano più dure.

READ  Il Regno Unito accetta un accordo commerciale post-Brexit con l'Australia

“Perché le api sono la madre della vita sul nostro pianeta. Dobbiamo rispettarle. Dobbiamo rispettare gli apicoltori”.

Ian Stewart, Ariana Asborough e Jan Johnson hanno prodotto l’intervista audio. James Dubick ha prodotto per il web.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *